222 research outputs found

    Sicurezza e populismo. I migranti alla frontiera del diritto penale

    Get PDF
    Il presente lavoro di ricerca ha ad oggetto la criminalizzazione delle migrazioni nell'èra del cosiddetto populismo, e in particolare del populismo penale. Invero, negli ultimi anni si è assistito ad una espansione incontrollata del potere punitivo che, sotto la pressione di un bisogno collettivo di sicurezza, ha condotto ad una vera e propria disumanizzazione del diritto penale (e punitivo-amministrativo), nel duplice significato che quest’ultima espressione rivestiva secondo la giurispoeta Mireille Delmas-Marty: "quello di un diritto penale che si sta deumanizzando, e quindi deumanizzato, in quanto sempre più distante dai principi dell'umanesimo giuridico; e quello di un diritto penale deumanizzante, in quanto riduce alcuni esseri umani [...] al rango di strumenti o mezzi al servizio di un fine". I migranti sono infatti il bersaglio principale di una crescente cultura della paura e di un ritornello politico e mediatico volto a stigmatizzarli come potenziali criminali. Come uno specchio, la politica migratoria e la politica criminale ci restituiscono l'immagine di una società dominata dalla paura: la prima perché - come ha scritto Abdelmalek Sayad - è «lo Stato che pensa se stesso pensando l'immigrazione»; la seconda «perché ogni incriminazione [...] si basa su una scelta di valori o di interessi, il cui rispetto è ritenuto essenziale per il mantenimento dell'ordine sociale» (Xavier Pin). La tesi è suddivisa in tre capitoli. Il capitolo I descrive il contesto emotivo, politico e socio-economico in cui si è sviluppato il populismo penale e mira a decostruire la retorica securitaria volta ad assimilare il migrante al criminale tout court. L'analisi del capitolo II si concentra sulla critica di questo "diritto penale della paura-esclusione" che ha tratto forza e legittimazione dalla narrazione deumanizzante e criminalizzante attorno alle migrazioni. Si dimostrerà, in particolare, che il diritto penale funge da frontiera, incarnando la sovranità e il relativismo dei valori nazionali e agendo come arma di esclusione e deumanizzazione delle persone migranti. La parola frontiera evocherà altresì la zona di confine in cui opera la criminalizzazione degli stranieri indesiderabili (così come degli attori umanitari che soccorrono i migranti in pericolo): si tratta, in effetti, di una zona grigia, in cui al diritto penale si sovrappone, in modo sempre più crescente, un uso punitivo del diritto amministrativo, senza che, tuttavia, il legislatore rinunci alla forza stigmatizzante e deumanizzante del primo: lo dimostra, ad esempio, il délit (in Francia) o la contravvenzione (in Italia) dell’ingresso illegale, che costituisce la bandiera del populismo penale escludente. Si vedrà anche in che misura il processo di ampliamento della nozione di nemico abbia finito per inglobare gli attori umanitari, sulla base di una “narrazione disumanizzante dell'umano” ispirata allo stereotipo delle ONG come fattori di attrazione. Lungo i sentieri della repressione della solidarietà, ci si imbatterà in forme penali di criminalizzazione (mediante, ad esempio, l'abuso del reato di favoreggiamento dell'immigrazione c.d. clandestina), forme para-penali (quali, i fermi amministrativi delle navi umanitarie) e forme inedite (mediante, ad esempio, la contestazione dei reati di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità e di invasione arbitraria di terreni o edifici). Il vero è che dietro questo incessante ricorso al diritto punitivo si nasconde l’incapacità di governare razionalmente i fenomeni migratori. Come verrà spiegato nel capitolo III e come ha insegnato la giurista Mireille Delmas-Marty, lo Stato securitario è una pura illusione. La transizione verso uno Stato solidale è l'unica "bussola dei possibili", l'unica rotta da seguire se vogliamo "salvarci insieme". Ci si chiederà se e in che misura i giudici abbiano contribuito (e possano contribuire in futuro) a una rifondazione dei poteri e del diritto penale su una rinnovata etica della solidarietà.This thesis deals with the criminalisation of migration in the Age of the so-called populism, in particular "penal populism". Indeed, recent years have seen an uncontrolled expansion of punitive power which, under the pressure of a collective need for security, has led to a proper dehumanisation of criminal law (as well as administrative-punitive law), in the dual meaning that the jurispoet Mireille Delmas-Marty ascribed to this expression: "that of a criminal law that is dehumanising, and thus dehumanised, insofar as it is increasingly distant from the principles of legal humanism; and that of a dehumanising criminal law, insofar as it reduces certain human beings [...] to the rank of instruments or means at the service of an end". Indeed, migrants are the main target of a growing culture of fear and a political and media refrain aimed at stigmatising them as potential criminals. Like a mirror, migration policy and criminal policy disclose the image of a society dominated by fear: the former because - as argued by Abdelmalek Sayad - "the State [...] thinks of itself by thinking of immigration"; the latter "because every incrimination [...] is based on a choice of values or interests, respect for which is considered essential for maintaining social order" (Xavier Pin). The thesis is divided into three parts. Chapter I describes the emotional, political and socio-economic context in which penal populism has developed, and tries to deconstruct the securitarian rhetoric aimed at representing migrant as a criminal. Chapter II critically analyses this 'criminal law of fear-exclusion' that has drawn strength and legitimacy from the dehumanising and criminalising narrative on migration. In particular, it will be shown that criminal law acts as a border, embodying the sovereignty and relativism of national values and acting as a weapon of exclusion and dehumanisation of migrants. The word border will also evoke the border zone in which the criminalisation of undesirable migrants (as well as humanitarian actors who rescue them) works: a grey zone, in which a punitive use of administrative law overlaps with criminal law, albeit the legislator does not renounce the stigmatising and dehumanising force of the latter: this is shown, for example, by the délit (in France) or the contravvenzione (in Italy) of illegal entry, which constitutes the flag of exclusionary criminal populism. It will be shown to what extent the process of broadening the notion of enemy has ended up encompassing humanitarian actors, on the basis of a "dehumanising narrative of the human" inspired by the stereotype of NGOs as pull factors. Along the paths of the repression of solidarity, we will come across criminal forms of punishment (through, for example, the abuse of the crime of aiding and abetting illegal entry), para-criminal forms (such as the administrative detention of humanitarian ships) and unprecedented forms (through, for example, the charge of the crimes of non-compliance with the measures of the Authority and the arbitrary invasion of land or buildings). As a matter of fact, behind this abuse of punitive law lies the inability to rationally govern migratory phenomena. As it will be explained in Chapter III and as argued by the jurist Mireille Delmas-Marty, the Securitarian State is a mere illusion. The transition towards a Solidary State is the only 'compass of the possible', the only path to be followed in order to 'save ourselves together'. The question arises as to whether and to what extent judges have contributed (and may contribute in the future) to a refounding of powers and criminal law on a renewed ethic of solidarity

    Assessing the sustainability of the city-port transformations: Multi-Criteria Decision Analysis (MCDA) for alternatives portfolio selection.

    Get PDF
    In recent years, the EU has sought to define sustainable transition pathways towards more equitable, prosperous, and inclusive urban and territorial models, capable of responding to the rapid degradation of ecosystems, and improving quality of life of citizens. In this context, ports have been recognised as key strategic hubs not only for economic and logistical competitiveness, but also to generate employment and investment opportunities, and to address the challenges of the climate change. The research presents a multi-scale, multi-dimensional and multi- group methodological framework to support decision-making processes related to the development of sustainable transformations of port cities, capturing the complexity of interactions and conflicts. Integrating Multi-Criteria Decision Analysis (MCDA) approaches and Problem Structuring Methods (PSM), the proposed methodology aims to address the following gaps identified in the literature: (i) a scattered application of multi-group methods; (ii) the lack of social instances within the decision problem; (iii) a weak sustainability perspective; (iv) the use of one-dimensional scale assessment in sectoral studies. The case study of the city-port of Gela in Sicily (Italy) provided an opportunity to test the proposed methodology and to integrate multi-dimensional sustainability issues into feasibility studies, promoting a more balanced relationship between city and port. The interdependencies between environment, society and economy allowed MCDA to be identified as a suitable approach to address complex decision-making and support the sustainability assessment of port areas transformation. Two multi-criteria and multi-group evaluation methods guided the decision-making process to select a portfolio of preferred alternatives by assessing technical, environmental, and economic impacts and analysing stakeholder conflicts and coalitions. The process was carried out as follows: on the one hand, a multidimensional impact matrix integrating Key Performance Indicators (KPIs) divided into technical, financial-economic, and environmental categories through the application of the multi-criteria method EVAMIX; on the other hand, a social assessment with a dendrogram of coalitions derived from the application of the multi-group method NAIADE by modelling stakeholders’ preferences regarding a portfolio of alternatives related to the decision problem

    LA TRILOGIA DELL’IBIS

    Get PDF
    Il terzo giorno di ciclo di conferenze, dal titolo The Ibis Trilogy, si apre con una prima sessione in cui Amitav Ghosh approfondisce da un punto di vista storico, geografico e artistico le relazioni commerciali tra l’Occidente e la Cina in un periodo compreso tra il XVIII secolo e XIX secolo. Amitav Ghosh ricostruisce attraverso una vera e propria lezione di storia, con l’aiuto di dipinti e fotografie, quelli che sono i grandi eventi che fanno da sfondo ai tre romanzi della trilogia Ibis: Sea of Poppies (2008), River of Smoke (2011), Flood of Fire (2015)

    Storia della nautica

    No full text
    Lo yachting ha una storia lunga e articolata che risale alle antiche civiltà. Le prime imbarcazioni che si possono assegnare a quella che chiameremo imbarcazione da diporto, o in termini moderni yacht, di cui si ha notizia furono usate da egiziani, greci e romani, elaborazioni spesso grandiose di imbarcazioni impiegate per la pesca e il commercio. Nell’Europa medievale, gli yacht erano usati per il trasporto e il tempo libero dai reali e dalle famiglie nobiliari. Nel XIX secolo, lo yachting divenne una forma di svago sempre più popolare per l’alta borghesia, che vide un grande sviluppo della vela e poi degli yacht a vapore, nonché l’avvio di gare e competizioni veliche. Oggi, lo yachting continua a essere un’attività ricreativa popolare, con una fiorente industria che comprende costruttori di barche e yacht di lusso, la realizzazione di porti turistici e l’organizzazione di eventi velici e sportivi. Nel XX secolo, i progressi nelle tecniche, nelle tecnologie costruttive e nei materiali hanno rivoluzionato quella che comunemente è chiamata nautica da diporto. La vetroresina, l’alluminio, i materiali compositi e altri materiali leggeri hanno sostituito i tradizionali scafi in legno, e poi in ferro, rendendo gli yacht più veloci ed efficienti. L’introduzione del GPS, del radar e di altre tecnologie di navigazione ha consentito di navigare in sicurezza e reso più accessibile questo modo di andare per mare. Lo yachting è quindi diventato uno sport competitivo, con eventi velici internazionali come l’America’s Cup, la Volvo Ocean Race, la Vendée Globe, la Barcolana, per non citarne che alcuni, eventi che attirano i migliori velisti e grandi folle di appassionati. Inoltre, la nautica da diporto è diventata un’industria multimiliardaria, con costruttori di yacht di lusso che soddisfano una crescente domanda di grandi navi ad alta tecnologia. Nel complesso, lo yacht ha una storia lunga e diversificata durante la quale si è evoluto da pratico mezzo di trasporto e commercio a popolare attività per il tempo libero e lo sport agonistico. Inoltre, l’era moderna dello yachting ha visto una maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale, con molti costruttori e progettisti di yacht che hanno fatte proprie le istanze relative alla sostenibilità, progettando e realizzando imbarcazioni con caratteristiche eco-compatibili come sistemi di propulsione ibrida, pannelli solari e sistemi di trattamento delle acque. Parimenti, c’è stata una crescente tendenza verso pratiche di navigazione rispettose dell’ambiente, con molti velisti che adottano misure per ridurre il loro impatto ambientale sui mari. Negli ultimi anni, la nautica da diporto è diventata anche maggiormente accessibile a una fascia più ampia di persone, con la diversificazione dell’offerta di imbarcazioni ma anche per la crescita delle società di noleggio di barche per le vacanze. Queste società consentono alle persone di noleggiare yacht e provare l’emozione della navigazione senza i costi e l’impegno della proprietà. La nautica da diporto ha dunque una storia ricca e affascinante che continua a evolversi con i progressi della tecnologia, una maggiore consapevolezza ambientale e un crescente interesse per la vela come attività per il tempo libero e lo sport agonistico. In questo saggio si vuole raccontare la storia della nautica, dalle origini agli inizi del XX secolo, con alcuni cenni sulla nascita dello yacht e dei primi yacht club dal XVII al XIX secolo, rimandando a un successivo lavoro gli sviluppi che hanno visto il passaggio dalla propulsione a vela a quella a motore (XIX secolo) con l’introduzione dei primi steamboat e motorboat, fino alla nascita dei fuoribordo (XX secolo). Pertanto, particolare attenzione sarà dedicata allo sviluppo delle imbarcazioni a vela e dei loro progressi nei secoli XVII-XIX, cercando anche di offrire una panoramica delle imbarcazioni mercantili che sono state gli archetipi di quelle da diporto. Al fine di rendere la trattazione meno tecnica e più illustrativa si è fatto uso di un ricco apparato iconografico utile a meglio far comprendere caratteristiche, particolarità e differenze tra i diversi tipi di imbarcazioni utilizzati per il trasporto delle merci, per la pesca e, infine, per il diporto. Inoltre, si è ritenuto utile sviluppare argomenti minori - come le imbarcazioni da pesca e da lavoro olandesi, archetipi di quelle che diventeranno le imbarcazioni da diporto, le tipologie di imbarcazioni nella Russia di Pietro I, l’invenzione della deriva, e altro – con l’intento di raccontare microstorie, e che hanno visto un minor interesse da parte degli studiosi, ma che riteniamo possano essere utili per arricchire la conoscenza del mondo della nautica anche in quei contesti meno noti della pratica e dell’arte della navigazione

    L’inquadramento della nave nelle categorie delle “res” in diritto romano

    Get PDF
    FULL TEXT PD

    «L’umanesimo della parola». Studi di italianistica in memoria di Attilio Bettinzoli

    Get PDF
    By remembering Attilio Bettinzoli with this collection of essays, the intent of friends and colleagues is to recognize the legacy of knowledge and affectionate memories that he left in those who attended him in his intellectual excursions. His entire life was dedicated to literature and teaching, with a fine critical spirit and with joyful curiosity, both on the academic side as a refined reader – in the footsteps of Vittore Branca and exploring paths ranging from Boccaccio, Poliziano, Ficino, Pico and Iacopo Sannazaro up to the poets of the twentieth century, with a predilection for Rebora – and in poetic writing, along an existential line interpreted with dense and suggestive poetic collections that accompany the path of investigation into twentiethcentury poetry in friendly and esteemed voices such as those of Eugenio Montale, Emilio Cecchi, Giovanni Boine, Camillo Sbarbaro, Cristina Campo, Giorgio Caproni and Giorgio Vigolo, often assigned to students as a topic in numerous theses, to attest to research constantly linked to teaching. These are also the thematic and conceptual lines on which the essays offered by colleagues and students move, in a small sign of friendship and gratitude for the path shared over the years
    • …
    corecore