38 research outputs found

    I sistemi per la gestione delle risorse elettroniche (PRIMA PARTE). Gli electronic resources management systems (ERMS)

    Get PDF
    The paper describes the road that – at the beginning of the 2000s – led to the implementation of ERMS, management systems specifically designed for electronic resources. An ERMS is a software that enables libraries to control and manage every step of the complex e-resources life cycle, in order to rationalize the entire management process. The paper analyzes ERMS features, technical characteristics, advantages and weaknesses, as well as the main products – both proprietary and open source – available on the market. This study will be completed by a second paper focusing on library services platforms (LSP).(NB: this is the first part of a more extensive study. The second part will be published in AIB studi 2/2016)Il contributo delinea il percorso che ha portato, durante i primi anni Duemila, all’implementazione dei sistemi pensati esclusivamente per la gestione delle risorse elettroniche, i cosiddetti ERMS. Un ERMS è un software che permette alle biblioteche di controllare e gestire in modo centralizzato tutte le fasi che compongono il complesso ciclo di vita delle e-resource, al fine di razionalizzare e rendere più efficiente il processo di gestione. Esso va inoltre ad affiancarsi agli ormai consolidati ILS, ancora necessari per gestire le risorse cartacee. L’articolo analizza funzionalità, caratteristiche tecniche, vantaggi e punti critici degli ERMS e descrive i principali prodotti disponibili sul mercato, sia proprietari che open source. Lo studio relativo ai sistemi per la gestione delle risorse elettroniche sarà completato da un secondo articolo che si soffermerà sulle library services platform (LSP).(Questo articolo è la prima parte di un contributo più esteso. La seconda parte sarà pubblicata sul numero 2/2016 della rivista)

    La mappatura delle collezioni attraverso la rivisitazione di Conspectus: una proposta metodologica per le biblioteche pubbliche e i primi risultati di un caso applicativo presso la Biblioteca civica di Bolzano

    Get PDF
    La valutazione delle collezioni è un’attività da svolgere periodicamente, al fine di delineare una visione olistica ed esaustiva della raccolta che costituisce un indispensabile ausilio per la programmazione dello sviluppo e della gestione delle collezioni. Tra i vari metodi per la valutazione documentaria figura Conspectus, che ha avuto origine nel 1978 nel contesto delle biblioteche di ricerca nordamericane e ha alle spalle una lunga storia, in cui si intrecciano luci e ombre, sperimentazioni e critiche. Nelle biblioteche pubbliche Conspectus è stato e continua a essere poco applicato, nonostante l’esistenza di adattamenti interessanti proposti anche in ambito italiano nel primo decennio del XXI secolo. Il contributo presenta un’aggiornata e inedita rivisitazione di Conspectus, in grado di rafforzare i tradizionali aspetti positivi di questo strumento e allo stesso tempo di superare e modificare i principi non più attuali. Questa impostazione metodologica è stata impiegata per il lavoro di analisi delle collezioni di saggistica per adulti della Biblioteca civica di Bolzano, del quale vengono illustrati i primi risultati. La sperimentazione si è rivelata proficua sotto vari punti di vista e tale rivisitazione di Conspectus potrebbe essere ripresa, adattata e applicata da parte delle biblioteche pubbliche che vogliano valutare in modo analitico le loro raccolte e confrontare a livello sistemico i risultati di tale analisi per attivare (o migliorare) le politiche e le pratiche di sviluppo documentario coordinato

    L’approval plan per lo sviluppo delle collezioni: esperienze e prospettive in campo internazionale e nazionale

    No full text
    La tesi si focalizza su una particolare metodologia di acquisizione documentaria, ovvero l’approval plan, inquadrandola all’interno delle molteplici e ampie tematiche che riguardano lo sviluppo delle collezioni bibliotecarie (sia cartacee sia elettroniche). La ricerca è condotta in ottica comparata, prendendo in considerazione l'area anglo-americana, la Germania e l'Italia. Il lavoro è aperto da un’analisi dell'evoluzione delle teorie e delle pratiche di sviluppo delle collezioni dalla fine dell'Ottocento ad oggi. Poi, vengono analizzate le diverse questioni teorico-metodologiche che entrano in gioco quando viene impiegato l'approval plan, attraverso lo studio della letteratura sul tema prodotta nelle tre aree considerate. Vengono anche presentati i risultati di un'indagine appositamente condotta tramite la somministrazione di un questionario, cui hanno preso parte 460 biblioteche tedesche e 716 biblioteche italiane (di varia tipologia). In conclusione vengono presentate delle proposte operative e si riflette sul ruolo che l'approval plan potrà svolgere nel prossimo futuro

    Ripensare spazi e collezioni: best practices dall'IFLA Satellite Conference "Space and collections earning their keep: transformation, technologies and re-tooling" (Parigi, 13-14 agosto 2014)

    Get PDF
    L’articolo propone un resoconto critico della conferenza satellite IFLA “Space and collections earning their keep: transformation, technologies and re-tooling”, organizzata presso la Bibliothèque Universitaire des Langues et Civilisations (BULAC) di Parigi dall’IFLA Acquisition and Collection Development Section e dall’IFLA Library Buildings and Equipement Section. La conferenza – volta a illustrare le best practices nella ristrutturazione/riorganizzazione di biblioteche esistenti e nella costruzione di nuove strutture – ha ospitato ventidue relatori provenienti da dodici paesi diversi. Tutti i progetti presentati, pur nella varietà di contesti e di tipologie bibliotecarie, mostrano una serie di caratteristiche comuni: il recupero e la trasformazione dello spazio in relazione all’evolversi delle collezioni e delle esigenze degli utenti, e la valorizzazione della funzione sociale della biblioteca come luogo di studio (individuale e di gruppo), di intrattenimento e d'incontro. L'imperativo comune sembra essere quello di rinunciare all’idea di uno spazio fisso a favore di uno spazio che sia flessibile, piacevole e multifunzionale
    corecore