Location of Repository

LA CHIESA COLLEGIALE DELL`ASSUNZIONE DI MARIA A PAGO VECCHIA

By Miljenko Jurković

Abstract

Na osnovi dokumenata i stilske analize i kolegijalna crkva Marijinog Uznesenja u Starom Pagu datira se u rano 14. st., a njeno podizanje dovodi u vezu s uzdignućem paske crkve na čast kolegijalne. Tlocrtni oblik građevine preuzet je direktno iz Zadra i objašnjava se tradicionalizmom sredine, a siromaštvo oblika ekonomskom moći paske komune. Strogost i čistoća volumena rezultat je kako već prihvaćenih načela franjevačke i dominikanske arhitekture, tako i odraz strogih načela života kolegijalnog kaptola.La chiesa dell\u27assunzione di Maria a Pago Vecchia è un\u27armoniosa basilica il cui intemo a tre navate è suddiviso da cinque paia di pilastri in muratura. L\u27ultimo sul lato occidentale è un semipilastro, collegato alla facciata da ante della stessa larghezza. La chiesa fu allungata di questa lunghezza in occasione della costruzione della facciata nuova nel1392. I pilastri hanno alte basi prive di profili, mentre dalla parte superiore sono definiti da forti imposte piatte, da cui si dipartono arcate semicircolari. Sul lato orientale la navata mediana termina con una grande abside semicircolare, mentre le due laterali sono inscritte nel muro posteriore. La chiesa fu costruita con pietre poco lavorate e dipinta a calce estemamente e intemamente. La nuova facciata e le sculture su di essa furono realizzati nel1392 dal maestro Paolo da Sulmona. Nel 1589 fu aggiunto alla chiesa il convento francescano che la salvò dalla rovina. Infatti, dopo la costruzione della nuova Pago, progettata ad alcuni chilometri di distanza, dal 1433 Pago Vecchia decadde completamente, e la chiesa collegiale è l\u27unico edificio conservatosi. In epoca barocca subì modificazioni minori, come l\u27apertura di grandi finestre semicircolari sulle pareti della navata principale, con cui le finestre basilicali più antiche furono chiuse. Sulla collegiale dell\u27Assunzione di Maria si è scritto solo in rapporto con la nuova facciata e le sue sculture. Si riteneva che tutta la chiesa fosse stata costruita allora (1392). In base ai documenti e all\u27analisi stilistica invece si può constatare ché la chiesa risale al passaggio dal XIII al XIV secolo. Numerosi testamenti del1329 e del1330 ricordano già la chiesa, e il documento più antico che ne parla è del1318. Fu steso •in capitulo monasterium sancte Marie M.«, e parla diffusamente del capitolo della colleggiata della chiesa di Pago. Si sa che la chiesa di Pago fu innalzata al rango di collegiale due anni prima, nel 1316. E proprio questo fatto fu una buona ragione per la costruzione di una nuova chiesa. Ad ogni modo essa esisteva già nel 1318, e in base alla forma non può essere molto più vecchia. Per questo la sua costruzione va collocata al passaggio dal XIII al XIV secolo, o collegata alla formazione del capitolo colleggiale. Anche le circostanze storiche parlano a favore di questo fatto. Il comune di Pago era continuamente impoverito dalle guerre con Zara, Pago nel medioevo si trasformò molto lentamente da paese (pagus) in città, e solo dalla seconda metà del XIII secolo il comune di Pago è economicamente in grado di affrontare un intervento architettonico di maggiore portata. Per questo anche la chiesa è costruita così poveramente, priva di plastica architettonica. D\u27altra parte, il comune di Pago non fu mai sede di vescovado e ciò si riflesse sulla debole organizzazione ecclesiastica dell\u27isola, e sull\u27assenza di importanti botteghe d\u27architettura e di scultura. L\u27innalzamento della chiesa di Pago al rango di collegiale significò da questo punto di vista una rinascita. Così la ripresa della pianta del coro della cattedrale di Zara può essere spiegata con il tradizionalismo dell\u27ambiente e come un segno simbolico. Si tratta della ripresa di un modello in modo del tutto consapevole e non deve essere considerato un ritardo, sebbene all\u27epoca di costruzione della chiesa le forme gotiche diventino norma per gli edifici di culto. La purezza e la "nudità" delle forme e l\u27assenza di plastica architettonica si possono spiegare con l\u27adozione dei principi dell\u27architettura francescana e domenicana a quel tempo già affermatisi nell\u27Adriatico, ma anche con l\u27organizzazione di una vita canonica più severa del capitolo collegiale della chiesa di Pago. Infatti, un documento del 1318 parla del »monasterio S. Marie M.", e ciò potrebbe significare che a Pago vi erano dei canonici regolari, poiché spesso il termine monastero viene usato per i capitoli canonici. La chiesa di S. Maria dell\u27Assunzione a Pago Vecchia esiste, dunque, fin dal 1318, e la sua edificazione è in rapporto con la formazione del capitolo collegiale. La chiesa è tardoromanica e con la sua semplicità riflette la vita dei suoi canonici, e allo stesso tempo prende, come molte chiese sull\u27Adriatico dalla fine del XIII secolo, tale carattere dall\u27architettura francescana, senza considerare gli elementi stilistici. La pianta riprende il modello della molto più antica cattedrala di Zara, e testimonia il conservatorismo locale, rientrando con ciò nell\u27immagine d\u27insieme che offrono le chiese delle isole nel medioevo

Publisher: Literary Circle of Split
Year: 1991
OAI identifier: oai:hrcak.srce.hr:118157
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hrcak.srce.hr/file/1746... (external link)
  • http://hrcak.srce.hr/file/1746... (external link)
  • http://hrcak.srce.hr/118157 (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.