17 research outputs found

    Prigioniero dei francesi. Memorie di un combattente della Repubblica Romana

    No full text
    Il saggio \ue8 la trascrizione di un documento inedito conservato presso il Museo del Risorgimento di Bologna. Si tratta delle memorie di Tommaso Rossi, patriota nato e cresciuto nella provincia bolognese, che, attratto dagli entusiasmi che attraversarono il mondo liberale e progressista italiano al momento della salita sul soglio pontificio di Pio IX, fu membro della Guardia Civica, poi comandante di uno dei Corpi franchi ( il battaglione del Basso Reno) che combatt\ue8 nel veneto durante la prima Guerra d\u2019Indipendenza. Allo scioglimento dei Corpi franchi, Rossi milit\uf2 con gradi di comando nel Reggimento Unione presente alla difesa della Repubblica Romana. Fatto prigioniero dai francesi assedianti, Rossi trascorse due mesi in prigionia. Di questo breve, ma intenso periodo della sua vita, Rossi traccia un ricordo dettagliato, frutto della rielaborazione di un diario tenuto durante la prigionia, in una memoria scritta dopo il ritorno alla sua famiglia e dedicato alla moglie e alla figlia. Proprio quest\u2019ultime fece dono del manoscritto al nascente Museo del Risorgimento e venne esposto nel 1888, in occasione dell\u2019Esposizione delle provincie dell\u2019Emilia, nel padiglione dedicato al Tempio del Risorgimento

    Espaces urbains du temps libre des femmes aux xixe et xxe siècles

    No full text
    LE POURQUOI D’UNE DISTINCTION DE GENRE Dans la société contemporaine les différents emplois du temps quotidien dépendent en grande partie des horaires de travail et du temps consacré au travail domestique et aux tâches familiales qui, à certaines périodes de la vie, occupe une place essentielle dans l’organisation du temps libre, tout particulièrement pour les femmes. La perception du peu de temps qu’elles ont à se consacrer à elles- mêmes et au contraire de la consistance de celui qu’elles c..

    Nuova amministrazione, nuova classe dirigente

    No full text
    Il saggio ricostruisce la storia amministrativa di Bologna nel ventennio fascista cercando di coglierne i cambiamenti politici, ma anche economici e sociali. Partendo dalla stagione commissariale che seguì i fatti di palazzo d’Accursio, il testo si snoda attraverso le gestioni podestarili e agli uomini che ne furono protagonisti: da Arpinati a Carranti, da Berardi a Manaresi, a Collina. A fronte dei fenomeni di persistenze culturali e politiche, il saggio tende a mettere in luce i mutamenti politico-amministrativi avvenuti in quegli anni, sottolineando le luci e le ombre di questa stagione politica della città. Attenzione è posta ai mutamenti urbanistici, alle realizzazioni in campo economico (la Fiera), alla maggiore o minore condivisione delle nuove idee da parte dei cittadini

    La Massoneria in Spagna

    No full text
    Il saggio ripercorre in forma sintetica il nascere e l’evolversi della Massoneria nella Spagna Otto e Novecentesca. Attraverso documenti ufficiali si mettono a confronto le politiche della classe dirigente e quelle delle logge massoniche nella stagione della monarchia, della I e della II repubblica, della dittatura franchista e della Repubblica post-franchista

    Le radici storiche del mutualismo e della cooperazione

    No full text
    Il saggio ripercorre, in chiave comparata coi diversi modelli europei, la storia del movimento mutualistico e cooperativo italiano nel suo lungo divenire, sottolineandone i valori che ha affermato nel tempo e che si sono trasmessi di generazione in generazione, valori che, pur modificandosi, si sono trasmessi nel tempo arrivando fino a traghettarsi nella societ\ue0 contemporanea e nel sistema del welfare state. Questa lunga storia \ue8 stata ripercorsa attraverso l\u2019utilizzo di fonti documentarie, archivistiche e bibliografiche a testimonianza di un vitalismo e di un impegno sociale a largo campo profuso dagli uomini e dalle donne che a partire dalla seconda met\ue0 dell\u2019Ottocento hanno sostenuto i valori del solidarismo, del reciproco aiuto, del cooperativismo quali elementi fondanti della societ\ue0 moderna

    Le Risorgimento au théâtre . Acteurs-auteurs-patriotes dans la construction de l’identité nationale

    No full text
    Les spectacles préférés du public italien pendant une bonne partie du dix-neuvième siècle furent le théâtre parlé et l’opéra, et plus particulièrement ce dernier qui, par sa structure hétérogène, par l’alternance de scènes fortes et de scènes de transition, et parce qu’il ne requerrait pas une attention soutenue durant toute la représentation, devint le spectacle adapté à la demande du public de cette époque et à sa capacité d’appréhension de la représentation. Comme l’a écrit Carlotta Sorba,..

    Le italiane a Bologna. Percorsi al femminile in 150 anni di storia unitaria

    No full text
    Il volume prende in esame il ruolo svolto dalle donne italiane e da quelle emiliane e bolognesi in particolare nella storia italiana dalla costruzione della nazione nella stagione risorgimentale e nei primi decenni postunitari alla edificazione della democrazia repubblicana nel secondo dopoguerra. L’approccio di lungo periodo e articolato attorno a diverse tematiche consente di mettere in luce come il protagonismo femminile abbia rappresentato una costante nella storia dell’Italia unita, esprimendosi in diverse forme e abbracciando numerosi ambiti politici, economici, culturali e sociali

    Voci di soldati della Prima Guerra Mondiale. Dall\u2019Archivio Caduti del Museo de Risorgimento di Bologna

    No full text
    Memorie, impressioni, diari di studenti dell'Universit\ue0 di Bologna, caduti in particolare nel primo anno della Guerra 1915-1

    Il delinearsi di modelli. Le radici della contemporaneità negli anni dell’unificazione nazionale

    No full text
    Il saggio mette in luce la presenza e il ruolo delle donne nella stagione risorgimentale e vuole essere non solo un ricordo del contributo delle donne al Risorgimento quanto piuttosto capirne le influenze nella costruzione di una identità nazionale e nella costruzione della Repubblica. E’ una sottolineatura della dimensione pubblica dell’agire femminile cresciuto nei salotti, ampliatosi nelle associazioni mutualistiche, sindacali e politiche, rafforzato nel tempo grazie a riviste e giornali scritti e diretti da donne e per le donne
    corecore