390 research outputs found

    Personalize, participate, predict, and prevent: 4Ps in inflammatory bowel disease

    Get PDF
    Inflammatory bowel disease (IBD), which includes Crohn's disease (CD) and ulcerative colitis (UC), is a complex, immune-mediated, disorder which leads to several gastrointestinal and systemic manifestations determining a poor quality of life, disability, and other negative health outcomes. Our knowledge of this condition has greatly improved over the last few decades, and a comprehensive management should take into account both biological (i.e., disease-related, patient-related) and non-biological (i.e., socioeconomic, cultural, environmental, behavioral) factors which contribute to the disease phenotype. From this point of view, the so called 4P medicine framework, including personalization, prediction, prevention, and participation could be useful for tailoring ad hoc interventions in IBD patients. In this review, we discuss the cutting-edge issues regarding personalization in special settings (i.e., pregnancy, oncology, infectious diseases), patient participation (i.e., how to communicate, disability, tackling stigma and resilience, quality of care), disease prediction (i.e., faecal markers, response to treatments), and prevention (i.e., dysplasia through endoscopy, infections through vaccinations, and post-surgical recurrence). Finally, we provide an outlook discussing the unmet needs for implementing this conceptual framework in clinical practice

    Rate and risk factors of in-hospital and early post-discharge mortality in patients admitted to an internal medicine ward

    No full text
    Background: We sought to quantify in-hospital and early post-discharge mortality rates in hospitalised patients. Methods: Consecutive adult patients admitted to an internal medicine ward were prospectively enrolled. The rates of in-hospital and 4-month post-discharge mortality and their possible associated sociodemographic and clinical factors (eg Cumulative Illness Rating Scale [CIRS], body mass index [BMI], polypharmacy, Barthel Index) were assessed. Results: 1,451 patients (median age 80 years, IQR 69-86; 53% female) were included. Of these, 93 (6.4%) died in hospital, while 4-month post-discharge mortality was 15.9% (191/1,200). Age and high dependency were associated (p<0.01) with a higher risk of in-hospital (OR 1.04 and 2.15) and 4-month (HR 1.04 and 1.65) mortality, while malnutrition and length of stay were associated (p<0.01) with a higher risk of 4-month mortality (HR 2.13 and 1.59). Conclusions: Several negative prognostic factors for early mortality were found. Interventions addressing dependency and malnutrition could potentially decrease early post-discharge mortality

    The Effect of a Gluten-Free Diet on Vitamin D Metabolism in Celiac Disease: The State of the Art

    No full text
    Celiac disease is a chronic autoimmune disorder involving the small intestine, characterized by villous atrophy, crypt hyperplasia and an increase in intraepithelial lymphocytes. Due to both calcium malabsorption and immune activation, a high prevalence of bone mass derangement is evident in this condition, regardless of the presence of overt malabsorption. Alterations of mineral metabolism are also frequently described, and in this review, the modifications of serum levels of vitamin D are analyzed, according to the available literature on this topic. In untreated patients, secondary hyperparathyroidism is responsible for the hyperconversion of 25-vitamin D into 1,25-vitamin D making mandatory the determination of serum levels of both vitamin metabolites to avoid a wrong diagnosis of vitamin D deficit. A gluten-free diet allows for a normalization of bone and mineral metabolism, reverting these abnormalities and raising some doubts on the need for vitamin supplementation in all the patients. Data available do not support this wide indication, and a complete evaluation of bone and mineral metabolism should be performed to select patients who need this therapeutic approach

    Resilience is associated with frailty and older age in hospitalised patients

    No full text
    Abstract Background Little is known about resilience in an internal medicine setting. We aimed to assess the relationship between resilience and frailty and other clinical and sociodemographic characteristics in a cohort of prospectively enrolled hospitalised patients. Methods In 2017–2019, we consecutively enrolled patients in our internal medicine wards. We selected all patients who filled in the 25-item Connor-Davidson resilience scale (CD-RISC). Mean resilience was evaluated according to baseline demographic (i.e., age, sex, marital and socioeconomic status) and clinical (i.e., Cumulative Illness Rating Scale [CIRS], Edmonton Frail Scale [EFS], Barthel index, Short Blessed test, length of stay [LOS]) data. A multivariable analysis for assessing factors affecting resilience was fitted. Results Overall, 143 patients (median age 69 years, interquartile range 52–79, 74 females) were included. Resilience was significantly lower in frail (p = 0.010), elderly (p = 0.021), dependent (p = 0.032), and more clinically (p = 0.028) and cognitively compromised patients (p = 0.028), and in those with a low educational status (p = 0.032). No relation between resilience and LOS was noticed (p = 0.597). Frail patients were significantly older (p < 0.001), had a greater disease burden as measured by CIRS comorbidity (p < 0.001) and severity indexes (p < 0.001), were more dependent (p < 0.001), more cognitively impaired (p < 0.001), and displayed a lower educational level (p = 0.011) compared to non-frail patients. At multivariable analysis, frailty (p = 0.022) and dependency (p = 0.031; according to the Barthel index) were associated with lower resilience in the age groups 18–64 and ≥ 65 years, respectively. Conclusions Low resilience was associated with frailty and dependency with an age-dependent fashion. Studies assessing the impact of this finding on important health outcomes are needed. Trial registration Clinical Complexity in Internal Medicine Wards. San MAtteo Complexity Study (SMAC); NCT03439410 . Registered 01/11/2017

    Cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilitĂ . Soluzioni e strategie per investimenti sostenibili

    No full text
    L'impatto dei cambiamenti climatici sulle infrastrutture è ormai evidente anche in Italia. Per comprendere e affrontare il fenomeno e i suoi effetti è necessario individuare le soluzioni tecnologiche, fiscali, finanziarie ed economiche in grado di minimizzarne le conseguenze. Questo volume, che unisce un metodo scientificamente rigoroso alla volontà di avanzare proposte politicamente utili, mette insieme il lavoro di 53 esperti che per un anno hanno collaborato per comprendere il futuro non solo climatico, ma anche tecnologico e socio-economico del Paese, in quella che a oggi è la più estesa analisi degli impatti dei cambiamenti climatici in Italia e, soprattutto, delle soluzioni per farvi fronte. Si parla quindi di tecnologia - dal digitale all'elettrico, dalle smart cities all'idrogeno -, di fiscalità e mercati dei permessi di inquinamento, di investimenti e finanza, di resilienza e infrastrutture idriche, con un approccio interdisciplinare che permette di offrire, nella parte finale, concrete soluzioni di policy e di governance.This volume analyses impacts of climate change on transports and infrastrcutures and, simmetrically, how transports and infrastructures may impact climate change. Strategies for adaptation and mitigation in the transport sector are also identified

    The Perception of Lactose-Related Symptoms of Patients with Lactose Malabsorption

    No full text
    Background: Dairy products are frequently considered responsible for post-prandial symptoms and are withdrawn from the diet, even against medical advice. We analysed the symptoms patients consider as lactose related; we also evaluated if psychological profile may affect the interpretation of the relationship between lactose and symptoms. Methods: In 268 patients undergoing lactose breath test, symptoms considered evoked by lactose intake were recorded and their severity measured. In the second part, symptom onset of 40 randomly selected patients was detected after both lactose and glucose breath test were blindly performed. Questionnaires evaluating anxiety, suggestibility and personality trait were administered. Key Results: Symptoms depending on functional gastrointestinal disorders or reflux disease were frequent in self-reported lactose-intolerant patients. In comparison with lactose malabsorption, these symptoms proved to be more frequent in patients with negative lactose breath test. The blinded administration of lactose and glucose demonstrated that a correct link between lactose intake and symptom onset was possible, only in 47.5% of the subjects, making this test inaccurate. None of the investigated psychological characteristics were different between patients with a nocebo response and patients not experiencing nocebo. Conclusions: Patients with self-reported lactose intolerance are frequently unaware about clinical presentation of this condition, and correct information is needed. The detection of symptom onset after lactose is an inaccurate test for lactose intolerance. Furthermore, the analysis of psychological characteristics of patients undergoing hydrogen breath test is not useful to select the subgroup at risk for a nocebo response. New strategies to diagnose lactose intolerance are mandatory

    Aging underlies heterogeneity between comorbidity and multimorbidity frameworks

    No full text
    Studies exploring differences between comorbidity (i.e., the co-existence of additional diseases with reference to an index condition) and multimorbidity (i.e., the presence of multiple diseases in which no one holds priority) are lacking. In this single-center, observational study conducted in an academic, internal medicine ward, we aimed to evaluate the prevalence of patients with two or more multiple chronic conditions (MCC), comorbidity, or multimorbidity, correlating them with other patients' characteristics. The three categories were compared to the Cumulative Illness Rating Scale (CIRS) comorbidity index, age, gender, polytherapy, 30-day readmission, in-hospital and 30-day mortalities. Overall, 1394 consecutive patients (median age 80 years, IQR 69-86; F:M ratio 1.16:1) were included. Of these, 1341 (96.2%; median age 78 years, IQR 65-84; F:M ratio 1.17:1) had MCC. Fifty-three patients (3.8%) had no MCC, 286 (20.5%) had comorbidity, and 1055 (75.7%) had multimorbidity, showing a statistically significant (p &lt; 0.001) increasing age trend (median age 38 years vs 71 vs 82, respectively) and increasing mean CIRS comorbidity index (1.53 +/- 0.95 vs 2.97 +/- 1.43 vs 4.09 +/- 1.70, respectively). The CIRS comorbidity index was always higher in multimorbid patients, but only in the subgroups 75-84 years and &gt;= 85 years was a significant (p &lt; 0.001) difference (1.24 and 1.36, respectively) noticed. At multivariable analysis, age was always independently associated with in-hospital mortality (p = 0.002), 30-day mortality (p &lt; 0.001), and 30-day readmission (p = 0.037), while comorbidity and multimorbidity were not. We conclude that age determines the most important differences between comorbid and multimorbid patients, as well as major outcomes, in a hospital setting

    Cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilità: Soluzioni e strategie per gli investimenti infrastrutturali in un contesto di adattamento ai cambiamenti climatici e di mitigazione delle emissioni di gas-serra - Rapporto della “Commissione cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilità sostenibili”

    No full text
    Prefazione del Ministro Il cambiamento climatico è una delle sfide vitali per il futuro della società umana e del nostro pianeta. Per contrastarlo, è necessario un forte coordinamento delle politiche sia a livello nazionale sia internazionale, e un cambiamento negli stili di vita di ampie fasce della popolazione, specialmente di quella che vive nei paesi sviluppati, come dimostrato dalle conclusioni contenute nell’ultimo Rapporto dell’Intergovernmen-tal Panel on Climate Change (IPCC). La transizione ecologica è una priorità strategica dell’Unione europea che, con il Green Deal, il Next Generation EU e la recente proposta relativa al pacchetto di riforme “Fit for 55”, vuole diventare la prima grande area geopolitica del mondo a impatto climatico zero al 2050. L’Italia è in prima linea nella lotta al cambiamento climatico e sta mettendo in campo sforzi notevoli per accelerare la transizione energetica ed ecologica. Sin dall’inizio, il Governo Draghi ha rafforzato il posizionamento del nostro Paese rispetto gli impegni sottoscritti a livello globale ed europeo (Accordi di Parigi, Green Deal europeo e Agenda 2030 delle Nazioni Unite). La volontà del nostro Paese di giocare un ruolo da protagonista è emersa anche nel corso del G20 a presidenza italiana, che ha posto al centro dei negoziati temi quali l’economia circolare e la transizione energetica. Le infrastrutture e i sistemi di mobilità rivestono un ruolo cruciale nella trasformazione del sistema socio-economico all’insegna della sostenibilità, in quanto rappresentano un elemento decisivo dello sviluppo di un paese e sono direttamente connessi alle scelte quotidiane delle persone, delle imprese e delle pubbliche amministrazioni. Data la necessità di adottare un approccio integrato alla transizione ecologica, che non lasci indietro nessuno e assicuri coerenza di politiche e obiettivi, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) ha intrapreso un percorso di profondo cambiamento in linea con la sua nuova denominazione, che ho voluto proprio per sottolineare che la sostenibilità deve riguardare entrambi gli ambiti di competenza del Mims. Tale percorso consente di adeguare l’azione del governo nazionale ai principi concordati dai leader del G20 sotto la presidenza del Giappone, che definiscono “sostenibili” quelle infrastrutture in grado di massimizzare il loro impatto positivo da tutti i punti di vista (non solo quello economico), porre attenzione all’intero ciclo di vita dell’opera, internalizzare nel processo di selezione e progettazione i temi legati agli impatti ambientali, essere resilienti ai disastri naturali e ad altre tipologie di rischio, essere decise in base a una valutazione degli impatti sociali delle opere, essere selezionate e realizzate in base a processi di governance di qualità. Va infatti in questa direzione la definizione dei nuovi strumenti di progettazione e valutazione adottati dal Ministero, come le linee guida settoriali di valutazione degli investimenti in opere pubbliche, le linee guida per la redazione del Progetto di Fattibilità Tecnico-Economica (PFTE) emanate dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLLPP) con l’introduzione della Relazione di Sostenibilità delle opere, e le linee guida sullo svolgimento del Dibattito Pubblico, richiesto per molte più iniziative rispetto al passato grazie alla riduzione delle soglie di valore delle opere oltre le quali il Dibattito Pubblico è obbligatorio. Su questa scia, gli investimenti per infrastrutture e mobilità previsti dalla Legge di Bilancio 2022-2024 hanno l’obiettivo di potenziare e modernizzare le infrastrutture e i sistemi di mobilità nazionali nell’ottica dello sviluppo sostenibile, proseguendo fino al 2030 lo sforzo di rilancio del Paese avviato con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Tali investimenti rientrano in una strategia di ampio respiro adottata dal Ministero, descritta nell’Allegato Infrastrutture al Documento di Economia e Finanza (DEF), “Dieci anni per trasformare l’Italia ”, presentato a luglio 2021, e ribadita con la Direttiva “ Indirizzi generali per l'attività amministrativa e la gestione per l’anno 2022 ”, in cui lo sviluppo di infrastrutture sostenibili e resilienti che tengano conto dei cambiamenti climatici rappresenta una delle quattro priorità politiche dell’azione del Mims. Nella prospettiva descritta, è evidente l’importanza del lavoro svolto dalla Commissione “Cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilità sostenibili”, istituita ad aprile 2021. In questo Rapporto viene presentata un’analisi approfondita della dotazione infrastrutturale del nostro Paese e degli effetti su di essa e sulla domanda dei servizi di trasporto previsti nei prossimi anni dovuti ai cambiamenti climatici, all’accelerazione dell’utilizzo di tecnologie digitali, al reshoring della produzione e la regionalizzazione delle catene del valore globali, all’aumento delle disuguaglianze, all’invecchiamento della popolazione e alla crescente urbanizzazione. Il Rapporto avanza soluzioni e proposte che permetteranno, da un lato, di aumentare la sostenibilità e la resilienza del sistema infrastrutturale e della mobilità in un contesto di adattamento ai cambiamenti climatici e di mitigazione delle emissioni climalteranti, e dall’altro, di indirizzare il Paese verso uno sviluppo più sostenibile, inclusivo e competitivo, considerando anche le dinamiche innescate o accelerate dalla pandemia. La transizione ecologica rappresenta, infatti, una straordinaria opportunità per rilanciare la nostra economia, ma anche per stimolare una riflessione collettiva sulla visione dell’Italia che vogliamo costruire nei prossimi anni. Da questo punto di vista, il Rapporto rappresenta un unicum a livello nazionale. Come ben illustrato nel Rapporto, il cambiamento climatico non avrà solo effetti sull’ambiente, sulla bio-diversità e sul territorio, ma anche sulla vita e il benessere delle persone e delle attività produttive, determinando gravi conseguenze fisiche, economiche e sociali per il nostro Paese che vanta un patrimonio paesaggistico, artistico e culturale unico a livello mondiale, ma allo stesso tempo estremamente fragile, e presenta una conformazione territoriale particolarmente esposta ai rischi del cambiamento climatico e vulnerabile agli effetti di eventuali disastri naturali. Per adattare infrastrutture e sistemi di mobilità a questi cambiamenti, e far sì che anche questi contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi di mitigazione delle emissioni climalteranti, è fondamentale compiere scelte radicali e urgenti, ma allo stesso tempo informate, ponderate e basate su analisi statistiche ed evidenze scientifiche. Le evidenze contenute in questo Rapporto rappresenteranno anche le basi per le attività del Centro per l’innovazione e la sostenibilità di infrastrutture e i sistemi di mobilità (Cismi) da me istituito all’interno del Mims per svolgere attività di studio, di ricerca e di sviluppo nel settore della sostenibilità delle infrastrutture e della mobilità, dell’innovazione tecnologica, organizzativa e dei materiali, nonché delle due strutture “trasversali” che si occuperanno della decarbonizzazione nel settore dei trasporti (Struttura per la transizione energetica della mobilità e delle infrastrutture, STEMI) e delle politiche urbane (Struttura di coordinamento per le politiche urbane, SCPU), in maniera complementare con le attività di indirizzo del Ministero all’interno del Comitato interministeriale per la Transizione Ecologica (CITE) e del Comitato interministeriale per le politiche urbane (CIPU). Inoltre, questo Rapporto ha evidenti connessioni con quello elaborato dalla Commissione “Finanza per le infrastrutture e la mobilità sostenibili” da me istituita, finalizzato a comprendere in che modo creare una partnership tra settore pubblico e settore privato per investire in soluzioni innovative capaci di trasformare l’Italia nel prossimo decennio.In conclusione, desidero ringraziare sentitamente il Prof. Carlo Carraro per aver coordinato i lavori di questa Commissione e i singoli esperti che, mettendo a disposizione le loro competenze e conoscenze, hanno contributo alla redazione di questo prezioso documento che rappresenta un pilastro fondamentale per guidare le scelte che il nostro Paese deve compiere per affrontare con successo le sfide derivanti dai cambiamenti climatici. Prof. Enrico Giovannini Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibil
    • …
    corecore