496 research outputs found

    Il progetto EAGLE. Europeana network of Ancient Greek and Latin Epigraphy e le sue molteplici sfide

    Get PDF
    EAGLE (Electronic Archive of Greek and Latin Epigraphy) è una federazione, nata nel 2003, di 4 banche dati epigrafiche digitali (Epigraphic Database Bari-EDB, Epigraphische Datenbank Heidelberg-EDH, Epigraphic Database Roma-EDR, e Hispania Epigraphica Online). Nel 2013 EAGLE è diventato un progetto europeo più complesso e articolato, co-finanziato dalla Commissione Europea per 36 mesi nel quadro del programma ICT-PSP. Il suo scopo è quello di aggregare i contenuti provenienti da diversi database (la cui lista completa è visibile sul sito http://eagle-network.eu) e renderli ricercabili attraverso un unico portale. Questi contenuti, armonizzati e "disambiguati" in modo da indicare con un unico identificatore contenuti provenienti da archivi diversi ma pertinenti ad un unico oggetto, vengono poi conferiti a Europeana, il portale europeo della cultura, per renderli accessibili non solo agli studiosi, ma anche a un pubblico più vasto (motivo per cui EAGLE è ora diventato l'acronimo di Europeana network of Ancient Greek and Latin Epigraphy).EAGLE (Electronic Archive of Greek and Latin Epigrahy) was born in 2003 as a federation of four epigraphic digital archives (Epigraphic Database Bari-EDB, Epigraphische Datenbank Heidelberg- EDH, Epigraphic Database Roma-EDR, and Hispania Epigraphica Online). In 2013 it became a more complex and comprehensive European project, co-funded by the European Commission for 36 months, in the framework of the ICT-PSP program, whose aim is to aggregate epigraphic contents provided by different databases (see the complete list on the website http://www.eagle-network. eu) and make them searchable through a single portal. These contents, harmonized and "disambiguated" in order to give a permanent identifier to records coming from different archives but related to a single object, are then provided to Europeana, the portal of European cultural heritage, to make them accessible not only to scholars, but also to the broad public (that's why the acronym is now expanded Europeana network of Ancient Greek and Latin Epigraphy)

    The EAGLE network

    Get PDF

    I codici epigrafici ligoriani Neap. XIII B 7 e XIII B 8: dall'edizione alla ricerca

    Get PDF

    A SUPPLEMENT TO A SUPPLEMENT: IMPERIAL INSCRIPTIONS FROM ROME FROM THE 1990S UNTIL THE PRESENT DAY

    Get PDF
    In this survey article are collected and discussed most of the imperial inscriptions found in Rome after the pubblication of the last Supplement to CIL, VI by Géza Alföldy in 1996, together with a large number of possible corrections of the already published texts. The contributions are organized according the following schema: Addenda et corrigenda: small corrections, accidental gaps, methodological in­consistencies, texts to be removed. New texts and new studies: new discoveries (including new fragments of old inscriptions), both in archaeological excavations and in archives and repositories, just published (as imperial inscriptions or not) or still unpublished.In this survey article are collected and discussed most of the imperial inscriptions found in Rome after the pubblication of the last Supplement to CIL, VI by Géza Alföldy in 1996, together with a large number of possible corrections of the already published texts. The contributions are organized according the following schema: Addenda et corrigenda: small corrections, accidental gaps, methodological in­consistencies, texts to be removed. New texts and new studies: new discoveries (including new fragments of old inscriptions), both in archaeological excavations and in archives and repositories, just published (as imperial inscriptions or not) or still unpublished

    L’instrumentum inscriptum non seriale: potenziale informativo e varietà di approcci alla sua digitalizzazione

    Get PDF
    Since the times of Heinrich Dressel, the importance of inscribed instrumentum for our knowledge of ancient economy has been recognized. But most modern studies about the process of production and distribution of goods in the Roman world are based on stamps (on amphoras, lamps, bricks and so on) and other kinds of “standard”, repeated information (like graffiti and tituli picti inscribed on different part of amphoras). In this kind of documentation, the information potential above all depends on the massive quantity of material at our disposal, in different part of the Roman Empire, attesting the routes of commerce and the different roles of people involved in it. But an unexpected amount and variety of information about the economic history of Rome can be drawn also from “non stamped” and “non massive” instrumentum, including different kinds of small inscribed objects, like, for example, signacula, tesserae, tabellae immunitatis, slave collars, weights and other measures. Short texts, frequently using abbreviations, often inscribed on objects whose archaeological origin is unknown, can become useful and informative for historical research only if we are able to make them “speak”, putting them in relationship with other texts and information, thus restoring their historical and geographical context.  Only in this way, small inscribed objects can throw light not only on the every day life of the ancient Romans but also on their economic activities. This aspect must be taken into account also in the process of digitization of this kind of inscriptions that is currently on the way in the framework of different international projects: a digital archive including “non stamped” instrumentum should not only consider the particular nature of both texts and artefacts, but also make evident their contacts with other materials and sources through prosopographic and topographic links. The purpose of this paper is to describe the current state and the future prospects of such an undertaking, with a special attention for the project EDR (Epigraphic Database Roma).L'importanza dell'instrumentum iscritto per la nostra conoscenza dell'economia antica è riconosciuta sin dai tempi di Heinrich Dressel. Molti degli studi moderni dedicati ai processi di produzione e distribuzione nel mondo romano, tuttavia, si concentrano essenzialmente sui bolli (su anfore, lucerne, laterizi, ecc.) e su altri tipi di iscrizioni "standard", ripetute (come graffiti e tituli picti iscritti su varie parti delle anfore). In questo tipo di documentazione, il potenziale informativo risiede in gran parte nella massiccia quantità di materiale a nostra disposizione, e alla sua dispersione in varie parti dell'Impero, che attesta le rotte del commercio e il ruolo delle persone in esso coinvolte. Ma un insospettabile quatità e varietà di informazioni sulla storia economica di Roma può essere ricavata anche dalle iscrizioni su instrumentum diverse dai bolli, non "di massa", che comprendono diversi tipi di oggetti come signacula, tesserae, tabellae immunitatis, pesi e altre misure. Testi brevi, molto abbreviati, spesso di origine ignota possono diventare fonti utili per la ricerca storica solo se li si fanno "parlare" mettendoli in relazione con altre fonti, restituendoli al loro contesto storico e geografico. Solo in questo modo, piccoli oggetti iscritti possono gettare luce non solo sulla vita quotidiana, ma anche sulle attività economiche nel mondo antico. Questo aspetto deve essere tenuto in considerazione anche nel processo di digitalizzazione di questo tipo di iscrizioni, attualmente in corso nell'ambito di vari progetti internazionali: un archivio digitale che comprende l'instrumentum "non bollato" dovrebbe non solo tenere presente la particolare natura dei testi e dei supporti su cui sono iscritti, ma anche evidenziare i rapporti con altri materiali e l'esistenza di legami topografici e prosopografici. Scopo di questo lavoro è di sintetizzare lo stato attuale dei lavori in questo campo, con una particolare attenzione per il progetto EDR (Epigraphic Database Roma)

    Dalla scheda cartacea al record on line. Un esperimento didattico su un gruppo di iscrizioni sepolcrali conservate al Museo Nazionale Romano

    Get PDF
    Thanks to a cooperation between Archivio di Epigrafia Latina Silvio Panciera, based at Sapienza University of Rome, and Museo Nazionale Romano, 12 unpublished funerary inscriptions from Rome are studied and published here for the first time by a little group of young scholars, applying the fundamental knowledge and research tools, both traditional and digital, that they have learned as undergraduate students of Latin Epigraphy. The result is a set of new, interesting data related to Greek and Roman names, imperial slaves and freedmen, and epigraphic formulas

    Un nuovo cursus senatorio nella collezione epigrafica di Villa Wolkonsky

    Get PDF
    La collezione di antichità di Villa Wolkonsky, a Roma, che comprende anche oltre un centinaio di iscrizioni, è stata recentemente oggetto di una campagna di restauro. Il censimento dei reperti iscritti eseguito in quest’occasione ha rivelato la presenza di due frammenti inediti, uno dei quali conserva una piccola parte di un cursus senatorio. Di questo facevano parte sicuramente il proconsolato della provincia di Creta e Cirene e la carica sacerdotale di augure. Il resto della carriera, ricordata in ordine ascendente, presenta qualche difficoltà di ricostruzione, che tuttavia non impedisce di considerare questa piccola novità epigrafica un interessante contributo alla conoscenza dell’ordine senatorio del II secolo d.C
    • …
    corecore