77 research outputs found

    Il Follone di Pinerolo (TO), da rinomata manifattura a rudere urbano: prospettive di salvaguardia della memoria

    Get PDF
    The city of Pinerolo was being an important production center thanks to the presence of the Rio Moirano, a flume already documented in the 13th century. Alongside its banks, most of the city's manufactories have been installed, which have been gradually abandoned due to the sector's crisis in the 20th century. Among them, the lace-factory TĂĽrk is of particular importance. It settled into the 18th-century Follone, considered among the first modern woolen processing centers. Unfortunate-ly, this building is now in precarious conditions because of the lack of care and protection. Moreover, a part of it has been devastated by a fire and so it is a ruin. Therefore, both materia-lity and memory of this production complex are precarious, due to different conversion hy-potheses which have foreseen the abatement of the building. The article aims to outline the history of this factory-flume system through edited and archi-ved documents, re-examining the instruments used to pursue its protection

    Comunicare la conoscenza, partecipare alla conservazione: la valorizzazione in progress di Santa Giulitta

    Get PDF
    L’Alta Val Tanaro, e in particolare il sito di Santa Giulitta nel comune di Bagnasco (CN), iniziano a disvelarsi nella loro multiforme complessità. Infatti, da un lato il fulcro dell’indagine è costituito dall’insieme di edifici e ruderi che testimoniano il susseguirsi di un elemento fortificato di origine altomedievale, forse bizantino, e di un complesso religioso che, a partire da un momento che si colloca tra fine dell’XI e l’inizio del XII secolo fino a oggi, è stato importante luogo di devozione per la comunità che si riuniva, e ancora si riunisce, intorno al culto dei Santi Giulitta e Quirico. Ma dall’altro lo studio a cura della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio del Politecnico di Torino – che con questo volume rinnova la sua collana – ha analizzato vari aspetti della valle nella sua interezza con ottica multidisciplinare e in una dinamica di lungo periodo, tra l’età romana e l’epoca contemporanea: dai dati archeologici alle emergenze architettoniche e artistiche, dal tessuto insediativo ai centri produttivi, dalle caratteristiche geomorfologiche al patrimonio arboreo, dai siti industriali dismessi alle ipotesi di valorizzazione del territori

    Il Pays Cathare tra politiche di valorizzazione locali e internazionali

    Get PDF
    Il movimento cataro si diffuse nel corso del secolo XII in alcune delle regioni culturalmente più vivaci dell'Europa occidentale, radicandosi nel sud della Francia. Dopo essere stati dichiarati eretici, i catari furono ripetutamente perseguitati, fino alla loro totale scomparsa nel secolo XIV. Tornata in auge alla fine del XVIII secolo con finalità politiche indipendentiste e anticlericali, l'eredità di questa eresia è diventata progressivamente un'importante risorsa turistica per diversi territori della regione francese dell’Occitanie, soprattutto dalla metà del secolo scorso. In particolare, dal 1992 il dipartimento dell'Aude ha denominato istituzionalmente il suo territorio “Pays Cathare”, e sistematizzato più di venti siti nel circuito “Les Sites du Pays Cathare”, tra cui castelli, fortezze, musei e abbazie. Tra questi, diverse rocche che furono teatro di scontri tra catari e cattolici vennero trasformate in fortificazioni di stile moderno, utilizzate come presidio militare al confine tra Francia e Aragona fino al 1659, anno che sancì il loro progressivo abbandono. A fronte di questa premessa, il contributo intende mettere in luce i meccanismi tipici del processo di patrimonializzazione dei cosiddetti “Chateaux cathares”, nome comunemente utilizzato per pubblicizzare queste località, e che ha reso alcune delle fortezze dell’Occitanie rinomate presso il grande pubblico. Questa connotazione può tuttavia rappresentare una forzatura, come si può dedurre dal fatto che diversi di essi – tra cui Termes, Puilaurens e Montségur – sono attualmente nella lista provvisoria dei siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO come estensione della cittadella di Carcassonne sotto il titolo di “Châteaux Sentinelles de Montagne”. Oppure, che tendenzialmente i singoli siti del circuito siano presentati nella loro complessità, e non ne venga enfatizzata la matrice eretica. Ed è proprio la discrasia tra politiche dipartimentali, locali e internazionali a voler essere analizzata

    Accidental Destruction & Intentional Destruction. Considerations for archaeological sites and monuments

    Get PDF
    The research intends to investigate the link between accidental destruction due to natural disasters, such as earthquakes or spontaneous collapses, and intentional destruction operated by unfortunate conservation and restoration strategies. In order to conceptually embrace the buildings’ decay as inalienable, the essay aims at establishing a parallelism between what the nature has destroyed and the strategies to fix to such damage, and what has been modified or destructed, instead, by human work, often scarcely aware of the historical, value-driven and technological properties of the asset. The article will examine many archeological realities present in Asia Minor and attributable to the Roman or late Roman age, with the purpose to provide for operational examples of intervention and modification of the archeological context and to fulfill a parallelism that proposes itself as interesting critical reading of the intervention strategies

    La communauté patrimoniale vaudoise, entre phénomènes de vivacité culturelle et dépeuplement

    Get PDF
    Piedmonts’ valleys of Chisone, Pellice and Germanasca (TO) are known as the Waldensian Valleys, due to the presence of this Christian minority in the area. The forced settling of the Waldenses in these territories (XVI-XIX centuries) has historically allowed – and still allows today – to read the area’s landscape and cultural heritage symbolically. At least since the end of the XIX century, this aspect has led to conservation policies aimed at safeguarding this community’s identity, largely implemented by Waldensian cultural institutions. This contribution intends to shed light on some characteristic aspects of the Waldensian community which influence the conservation of cultural heritage. These elements constitute the foundation of a sharing framework between safeguard organizations and citizen, which often become a veritable “heritage community”, in which conservation is not seen as just a per-need action or approach but becomes part of everyday life

    La centrale idroelettrica del cotonificio Widemann (San Germano Chisone, Torino): prospettive di conoscenza, conservazione e valorizzazione.

    Get PDF
    Le valli alpine del Pellice, Chisone e Germanasca, ai cui piedi sorge la cittĂ  di Pinerolo (TO), furono tra le prime aree industrializzate dello stato sabaudo, vocazione che si riscontra ancora in un'ampia rete di testimonianze materiali: dai complessi produttivi alle opere sociali per la classe operaia; dalle infrastrutture di sfruttamento delle acque al sistema di elettrificazione. Riguardo quest'ultimo, sono ancora numerose le strutture atte alla generazione di energia elettrica, talune dismesse, altre in funzione, altre ancora in corso di trasformazione. Il presente contributo si soffermerĂ  sul caso della centrale idroelettrica del Cotonificio Widemann di San Germano Chisone (TO), dove l'analisi dell'esistente e una lettura diacronica dei documenti d'archivio hanno permesso di ricostruirne la storia e hanno fornito la base per alcune suggestioni legate alla sua conservazione e valorizzazione

    Industrial Heritage: reflections on the use compatibility of cultural sustainability and energy efficiency

    Get PDF
    AbstractToday the industrial heritage represents a great functional and cultural resource. In fact, analyzing the international situation about it, it's possible to identify features that meet the increasing demand for architectural and urban spaces intended to cultural and social needs.However the type of industrial complexes discharged suggests solutions regarding heir sustainability for what concerns the energy standards. At the same time the cultural sustainability demands the utmost respect to the architectural elements, the space, the materials and to the structures that have historically characterized the proto-industry. The contribution, through a specific set of examples, analyzes projects and proposes actions in which the intervention achieves both the respect to the compatibility of use and the requirements of cultural and energy sustainability

    Thoughts about conservation and enhancement of archaeological heritage in France

    Get PDF
    French archaeological heritage of the classic age has been subjected, over the centuries, to phenomena that have caused either its abandonment or the continuation of its use, its transformation or the loss of its integrity. In particular, the sites for entertainment such as theatres, amphitheatres, circuses, stadiums and hippodromes are now often in ruins (as a result of either destructive events or the interruption of their use) after knowing seasons of transformation, conversion to new uses, repairing of damage of various kinds, restoration, adaptation to new stylistic canons: processes that have ensured the survival of these buildings through a continuous integration in urban activities. Today, these goods, mostly located in relevant urban contexts, are part of a landscape whose transformations guided by illusions aimed to make them attractive for tourists, are creating sharp separations between these monuments and the contest in which they are. Based on these premises, the paper presents the results of a research aimed the preservation of this heritage, suggesting strategies for its valorization that, in accordance with the requirements of the contemporary world, propose a project for tourist fruition which must be compatible with such goods that are architectural and parts of a landscape. In particular, the paper analyzes some interventions of enhancement on the archaeological heritage in comparison with those cases in which development strategies have proved compatible effects with the demands of conservation

    Patrimoni immateriali ed effetti materiali: dinamiche trasformative nel rapporto tra Popayán (Colombia) e il suo territorio

    Get PDF
    Popayán è una città colombiana, celebre per le manifestazioni devozionali legate alla Semana Santa, inserite dall’UNESCO nella Representative List of the Intangible Cultural Heritage of Humanity nel 2009; ciò ha dato l’avvio a una serie di politiche di conservazione, le quali hanno ingenerato processi di trasformazione sull’edificato storico. Sulla base di tali premesse, il contributo si propone di valutare gli esiti materiali sul costruito stratificato e le ricadute di natura sociale ed economica di tali politiche/azioni. Il confronto non può, tuttavia, prescindere dall’analisi del contesto territoriale, sottolineando le potenzialità di un modello di sviluppo sistemico alternativo rispetto a quello egemone nel contesto nazionale di riferimento

    Le Carte sugli edifici ludici e per spettacolo, tra conservazione e uso compatibile

    No full text
    La Dichiarazione di Segesta, la Carta di Verona e quella di Siracusa, nonostante non siano testi dottrinali, sono divenute de facto i documenti di riferimento per la fruizione compatibile e sostenibile di teatri e anfiteatri, segnando molte delle politiche culturali europee e del bacino del Mediterraneo sulla materia. Ampiamente discusse e non sempre condivise dalla comunità scientifica, a quasi trent’anni dalla diffusione della prima e poco meno di venti dall’ultima pare essere utile riflettere sui loro contenuti, anche alla luce dei risultati pratici che si possono ascrivere loro. Per comprenderne appieno le linee metodologiche, come anche le premesse teoriche, è anzitutto necessario chiarirne genesi e ascendenza, così da contestualizzarle all’interno di un ambito socio-culturale e politico dal quale far emergere gli intenti che si propongono
    • …
    corecore