14 research outputs found

    VIOLENT CULTURES AND LIMITED STATEHOOD: HOW TRENDS IN WARFARE AND TERRORISM INFLUENCE HOMICIDE TRENDS

    Get PDF
    Sulla base delle analisi transnazionali degli effetti della violenza collettiva (guerra e terrorismo) sui tassi di omicidi, la mia ricerca di dottorato contribuisce all' apertura di studi criminologici sull' omicidio verso una prospettiva integrata sulla violenza. La principale scoperta originale è che sia il terrorismo che le varie forme di guerra (ad esempio guerre etniche, civili e internazionali) sono associate in modo forte e positivo all' omicidio. Queste conclusioni si basano sul calcolo di una serie di modelli ad effetti fissi su un panel che comprende più di 100 paesi in oltre 20 anni dal 1990. I risultati danno un sostegno provvisorio alle ipotesi di "legittimazione della violenza" e "legittimazione-abituazione" formulate per quanto riguarda gli effetti transnazionali delle guerre nazionali sui tassi di omicidi, e gli effetti degli attentati terroristici e dei prolungati stati di belligeranza sui tassi di omicidi in Israele, rispettivamente. Entrambe le ipotesi suggeriscono che la violenza collettiva abbia un effetto causale positivo sull' omicidio, ma il tema è stato ampiamente trascurato nella ricerca criminologica fin dalla formulazione originale delle ipotesi più di 30 anni fa. Questo studio conclude che l’influenza causale della violenza collettiva sull'omicidio è probabile, ma non può essere dimostrata in modo definitivo entro i confini di un disegno di ricerca transnazionale. Da un punto di vista teorico, i quadri criminologici rilevanti dovrebbero essere arricchiti da due concetti distinti della scienza politica che permettono di collocare le ipotesi in un quadro più ampio di "cultura della violenza" e di "governance in aree di limitata statualità".Based on the cross-national analyses of the effects of collective violence (warfare and terrorism) on homicide rates, my Ph.D. research contributes to the opening of criminological homicide studies towards an integrated perspective on violence. The main original finding is that both terrorism and various forms of warfare (e.g. ethnic, civil and international wars) are robustly and positively associated with homicide. These findings are based on the calculation of a series of fixed-effects models on a panel that incorporates more than 100 countries over more than 20 years since 1990. The results lend tentative support to the so-called ‘legitimation of violence’ and ‘legitimation-habituation’ hypotheses that have been formulated in regard to the cross-national effects of nation-wars on homicide rates, and to the effects of terror attacks and prolonged states of belligerence on homicide rates in Israel, respectively. Both hypotheses suggest that collective violence bears a positive causal effect on homicide, but the topic has been largely neglected in criminological research since the original formulation of the hypotheses more than 30 years ago. This study concludes that a causal influence of collective violence on homicide is likely, but cannot conclusively be proven within the confines of a cross-national research design. From a theoretical perspective, relevant criminological frameworks should be enriched with two distinct concepts from political science which allow to situate the hypotheses within a larger framework of ‘culture of violence’ and ‘governance in areas of limited statehood’

    THE GREY AREAS IN TRAFFICKING OF NIGERIAN WOMEN: FROM TRAFFICKED WOMEN TO PERPETRATOR OF TRAFFICKING

    Get PDF
    Non esistono dati statistici certi sul numero totale di donne nigeriane trafficate annualmente in Italia ed introdotte nel mercato del sesso. Di fronte a questo ampio numero oscuro, bisogna porsi delle domande: cosa succede alla vittima di tratta quando non trova alcuna forma di aiuto o assistenza sociale? Cosa avviene quando non riesce ad uscire dal mercato del sesso? Secondo testimoni diretti e fonti ufficiali, tra le attuali madams vi sono anche ex vittime che hanno fatto carriera nella gerarchia della tratta e dentro le organizzazioni criminali. La mobilità femminile verso il lato gestionale di questo crimine rappresenta la caratteristica più rilevante della tratta di matrice nigeriana: vale a dire, le vittime sono condotte nel corso del tempo a svolgere una parte attiva nel complesso progetto criminale. Questo elemento distintivo al modello nigeriano richiede un’analisi approfondita, tramite nuovi approcci intesi a sottolineare: a) le aree grigie del mercato della tratta; b) i ruoli intermedi che gli individui ricoprono all'interno del modello vittima/reo; c) la mobilità femminile nella gerarchia dei gruppi criminali. Attraverso metodi di stampo antropologico, questo contributo intende effettuare una analisi più approfondita sui molteplici ruoli delle donne nel mercato della tratta umana.There are not clear figures regarding the group of Nigerian women who are lured annually in the sex market in Italy. Facing such a dark number, several questions on the lives of these unknown women arise: What happens to the trafficking victims who do not find any form of social aid or assistance? What happens when the former trafficked women are not able to exit from the trade industry? According to eyewitness accounts as well as official sources, some current madams were trafficked women in the past. They made a career in the trafficking hierarchy and its organised crime groups. The female mobility towards the organisational side of the trafficking offence represents the most striking characteristic of Nigerian trade industry; that is, the victims are included by their persecutors as active part of a more complex criminal project. Such a distinctive element of Nigerian criminal model needs to be analysed through new approaches aimed at highlighting: a) the grey areas in the trade industry; b) the intermediate roles within the victim/offender model; c) the female vertical mobility in the trafficking hierarchy. Through an ethnographic methodological framework, this study wants to analyse the multiple female roles in the trafficking industry

    Gli attori del monitoraggio delle prigioni: tra indipendenza, formalità e rappresentazioni della pena

    Get PDF
    With increasing incarceration rates at the age of mass imprisonment, growing attention has been given to the protection of the imprisoned persons’ rights globally, both from a regulatory point of view and for an increasing involvement of international courts in this context. In this respect, several monitoring activities of prison conditions are gradually consolidating. From an institutional point of view, the adoption of the Optional Protocol to the ONU Convention against torture (OPCAT) in 2002 imposes that each State have a National Preventive Mechanisms (NPM). In Italy, this role is performed by the National Guarantor who is the lead institutional actor of prison monitoring, alongside the Supervisory Judiciary (Magistratura di Sorveglianza) which specific mandate is to ensure the law enforcement inside prisons. In addition to these institutional roles, non-istitutional actors exist who monitor and describe structural conditions and prison climate related to rights violation in prison. This article aims to examine rules and practices of monitoring activities to reflect on the way by which different levels of independence, formality and social representations of punishment and prison could produce different effects in terms of safeguarding of prisoners’ rights, with special emphasis on prison violence representations and on tools to prevent and fight against it

    Il bisogno affettivo e l’inganno dei social: i presupposti e le pratiche del Romance Scam

    Get PDF
    In today's society, love becomes an escape from loneliness and an object of digital relationships that often seem to replace “human” relationships in an already very complex sentimental dynamic, but even more complex after the experience of SARS-CoV-2. Such “emotional sensitivity” (Condorelli, 2021) is part of the broader, current, and renewed debate on the affective bond of the love type that, from the individual space with tangible characteristics, is manifested on the stage of online estimity (Tisseron, 2011; Stanton et al., 2016). Indeed, according to the Postal Police in 2021, there was +118% of sentimental scams in Italy (Polizia Postale, 2022). In particular, among these dangers, there is the Romance Scam (Love Scam or also known as sweetheart swindles), as to say a criminal practice in which a user is lured by scammers who use a fake or stolen identity on social networks in order to extort, scam or blackmail the victim who believes they are experiencing a real love relationship (Whitty, 2015; 2018; Carter, 2021; Cassandra, Lee, 2022; Suleman et al., 2023). Therefore, the essay aims to reflect on the online dynamic from a socio-criminological point of view, starting from the theories to arriving at the most recent and current implications of the phenomenon with particular attention to the underlying and emerging emotional dynamics

    Decriminalizzare la povertà? A proposito del rilancio sopranazionale di un dibattito

    Get PDF
    Il saggio illustra alcuni aspetti che emergono dal più recente dibattito sul rapporto tra povertà e criminalità – povertà abitativa come condizione prevalentemente femminile, i possibili effetti deflattivi della criminalità eventualmente ottenuti grazie a erogazioni monetarie emergenziali, diversa regolazione della condizione dei senza dimora, carattere progressivamente punitivo delle misure adottate nei loro confronti. In particolare, vengono messi a confronto gli approcci teorici con le risultanze delle decisioni giudiziarie della giurisprudenza italiana sulle cause di giustificazione del reato che evidenziano dei punti di contatto tra il sistema penale e quello di welfare. In questo quadro si illustrano i rischi connessi ad una interpretazione che, privilegiando la povertà abitativa rispetto alle altre tipologie di povertà, incentra sul ruolo sociale dei senza dimora e sui suoi comportamenti devianti una costruzione “punitiva” delle politiche di rigenerazione urbana provocando ricadute negative sul sistema dell’esecuzione della pena. Tali effetti dipendono dagli obiettivi del legislatore e dalle conseguenti strategie operative delle agenzie formali del controllo sociale. Essi sono essenzialmente determinati da una peculiare visione della stabilità della dimora che viene temporaneamente associata alla durata della misura cautelare degli arresti domiciliari. Se quest’ultima visione viene confrontata con quella dell’abitualità della dimora sottolineata da una recentissima giurisprudenza, che diventa la base per l’iscrizione nei registri di residenza da parte dei richiedenti asilo, è evidente il delinearsi di profili discriminatori

    Dalla terra dei fuochi alle terre avvelenate: lo smaltimento illecito dei rifiuti in Italia

    Get PDF
    Lo smaltimento illecito dei rifiuti desta nella collettività grande clamore sociale anche per la particolare attenzione che i media dedicano da tempo al problema. L’articolo sofferma l’attenzione sul fenomeno, evidenziando come lo stesso non sia più limitato e circoscritto al territorio campano, noto ai più con la ormai triste locuzione di “terra dei fuochi”, ma abbia assunto connotazioni e rilievo nazionali. È, oramai, noto e condiviso che l’imitazione rappresenti una delle modalità di apprendimento delle condotte delittuose e, altresì, che i criminali agiscano razionalmente per la massimizzazione dei profitti con minimo sforzo e con minore esposizione possibile. Apprese le varie tecniche utilizzate dai clan camorristici, gli imprenditori criminali ora agiscono in proprio smaltendo i rifiuti e le scorie tossiche prodotte dalle aziende da essi gestite nei loro territori. Le indagini più recenti, svolte da alcune Procure maggiormente sensibili al fenomeno, stanno evidenziando che ormai diverse sono “le terre avvelenate” anche nel nord Italia per lo smaltimento illegale dei rifiuti tossici. Résumé L’élimination illégale des déchets suscite un vif débat, compte tenu aussi de l’attention toute particulière que les média consacrent depuis longtemps à ce problème. L’article se concentre notamment sur ce phénomène, soulignant qu’il n’est plus limité et circonscrit au territoire de la Campanie, désormais connu par la triste expression « terre des feux », mais qu’il a acquis une dimension nationale. Comme chacun sait, l’imitation est l’une des modalités d’apprentissage des conduites criminelles et les criminels agissent de façon rationnelle dans une logique de maximisation des bénéfices et de minimisation tant des efforts que des risques. Puisqu’ils ont appris les différentes techniques employées par les clans de la Camorra, aujourd’hui les entrepreneurs criminels agissent pour leur propre compte en éliminant illégalement les déchets et les déchets toxiques produits par les sociétés qu’ils gèrent sur leurs territoires. Les enquêtes les plus récentes conduites par les parquets les plus intéressés au phénomène mettent en évidence la présence de « terres empoisonnées » même dans l’Italie du Nord, à cause de l’élimination illégale des déchets toxiques. Abstract Illegal waste disposal is generating a lively debate, taking also into account the specific attention that has long been devoted to this problem by the media. This article focuses on this phenomenon, underlying the fact that it is no longer limited only to the Campania region, sadly known as the “fire land”, but it has indeed taken a national dimension. As everybody knows, imitation is one of the ways of learning criminal behaviours. These criminals act rationally on the basis of for the reason of maximising profit logic by minimising both efforts and risks. Having learnt techniques employed by Camorra’s clans, today criminal entrepreneurs act on their own behalf by illegally disposing waste and toxic waste produced by companies managed by them on their own premises. More recent investigations conducted by the more involved public prosecutors’ departments highlight the presence of “poisoned lands”, including areas in Northern Italy, due to illegal toxic waste disposal

    Copertura, attendibilità e validità degli indicatori bibliometrici tratti da Google Scholar nel campo delle scienze politiche e sociali (CAVIB Scholar)

    Get PDF
    L\u2019obiettivo del progetto di ricerca CAVIB Scholar \ue8 quello di valutare l\u2019attendibilit\ue0 e la validit\ue0 degli indicatori bibliometrici tratti da Google scholar nonch\ue9 il loro grado di copertura della produzione scientifica nelle aree cosiddette non bibliometriche. Attingendo a diverse fonti di dati (Google scholar, Scopus, Web of science) \ue8 stato creato un dataset al livello di base delle singole pubblicazioni e un dataset aggregato al livello degli autori. Oltre alla copertura, \ue8 stata analizzata l\u2019attendibilit\ue0 degli indicatori delle diverse dimensioni della produzione scientifica attraverso l\u2019analisi delle correlazioni e la validit\ue0 degli indicatori bibliometrici utilizzando diversi criteri esterni (punteggi individuali VQR 2004-2010 ed esiti ASN 2012). Le analisi sono state sviluppate per i docenti afferenti all\u2019Area 14 \u2013 Scienze Politiche e Sociali che, per quanto riguarda la produzione scientifica, presentano una certa eterogeneit\ue0 interna che \ue8 risultata utile in fase di analisi. La copertura della produzione scientifica da parte di Google scholar \ue8 risultata sicuramente pi\uf9 ampia di quella offerta da Scopus e Web of science ma non cos\uec estesa come generalmente sostenuto. Gli indicatori tratti da Google scholar presentano un elevato grado di attendibilit\ue0 e soprattutto di validit\ue0. La discussione dei risultati ottenuti tiene conto dei diversi contesti valutativi nei quali possono svilupparsi gli esercizi bibliometrici

    Conflitti e società. Il contributo della giustizia riparativa

    Get PDF

    La montagna anomica e la devianza intermittente. "Social problems" nell'area alpina

    Get PDF
    corecore