84 research outputs found

    COVID-19, 'fake news' y vacunación: la necesidad de inmunizar a la sociedad de la duda vacunal

    Get PDF
    Una de las claves para superar la pandemia del COVID-19 es la elaboración de la vacuna para poder inmunizar a la población. Además de las complicaciones médicas para conseguir la vacuna destacamos la presencia de otros problemas, como la divulgación de fake news que añadan dificultades a la superación del problema global, especialmente por su incidencia en el ámbito de los movimientos antivacunas, que se han desarrollado, con especial presencia en Italia, en los últimos años. Para ello alertamos de la necesidad de estar prevenidos para superar las dos pandemias que se están desarrollando en paralelo, la propiciada por el virus y la generada por las fake news. One of the keys to overcoming the COVID-19 pandemic is the development of the vaccine in order to immunize the population. In addition to the medical complications to obtain the vaccine, we highlight the presence of other problems, such as the dissemination of fake news that add difficulties to overcoming the global problem, especially due to its incidence in the field of anti-vaccine movements, which have developed, with special presence in Italy in recent years. For this, we warn of the need to be prepared to overcome the two pandemics that are developing in parallel, the one caused by the virus and the one generated by the fake news

    MONTERO CARO, María Dolores. Gobierno abierto como oportunidad de cambio, Dykinson, Madrid, 2020, 166 páginas. ISBN: 978-84-1324-858-5.

    Full text link
    La democracia es un proceso continuado de evolución de la sociedad. Implica un movimiento permanente en la elección de los ciudadanos por apostar por una constante colaboración y aprendizaje mutuo. Existe, en consecuencia, un vínculo inquebrantable entre los fundamentos democráticos y los fundamentos educativos de una sociedad. No es posible un gobierno abierto, una aspiración democrática de toda sociedad que se precie de serlo, sin una base educativa clara. El derecho y la educación juegan un vital papel en el desarrollo de toda sociedad de manera que la plasmación de la voluntad de los ciudadanos en escenarios de gobierno abierto pasa, inexorablemente, por una apuesta decidida por una mejor educación. A la profesora Montero este razonamiento no le es ajeno y lo expresa, sintéticamente, al indicar que «una mayor educación en Gobierno Abierto conduce a un incentivo a la participación y colaboración» (pág. 76)

    Apuntes de sociología biojurídica a partir de la edición genética germinal

    Get PDF
    Objetivo del presente artículo es poner de relieve las contradicciones de la relación entre bioética y bioderecho que, lejos de ser un problema meramente teórico, tiene un impacto real en las reglamentaciones de las innovaciones en el campo de la biomedicina. Con el ánimo de demostrar esa fuerte conexión de la cuestión aparentemente teórica con la praxis, el ensayo, dotado de una metodología inductiva, moverá sus primeros pasos a partir de las técnicas de edición genética germinal. En la primera parte del trabajo se aclararán matices científicos de dichas técnicas y se presentarán los primeros avances de la reglamentación jurídica que tienen su origen en el Consejo de Europa. Finalmente, a través de los límites y contradicciones de la reglamentación supuestamente biojurídica de la edición genética germinal se pondrá en evidencia la asimetría que domina en la relación entre bioética y bioderecho. ---The goal of this article is to stand out contradictions in the relationship among bioethics and biolaw that, far from being merely a theoretical quandary, has a real impact in the regulations of innovations in the biomedical field. Aiming to show that strong connection between the apparently theoretical question with the praxis, the essay, with an inductive methodology, goes straight showing the first steps of regulation of the germ-line gene editing. In the first part of the article, after a summary about the scientific highlights of germ-line gene editing, we undertake an investigation on the juridical regulation of germline-gene editing, based on the Council of Europe’s provisions. Finally, showing the limitations and contradictions of these supposedly biojuridical regulations, we highlight the dominant asymmetry in the relationship among bioethics and biolaw

    Analysis of surrogacy motherhood as a new technology in the biomedical and legal-philosophical field: technical advance, human recoil

    Full text link
    [EN] Surrogate motherhood is a question that has appeared in recent times, with increasing incidence, at present. The economic, political and media powers have brought a strictly technical concept to the public in order to familiarize them with this technique. This strategy has been based on the natural tendency to consider that any technological advance is good in itself, so that they have not been reviewed and made available to the citizens, in a reasonable manner, none of the issues that should be dealt with this technique. Thus, it is worth making a study of the regulations and jurisprudence of the assumptions that have been taking place and considering the reality that this formulation implies not only for the plaintiffs of this form of reproduction, but also from the prism of the woman who is going to create the child, as well as the position in which the child will remain after this process. The dignity of both the biological mother and that of the child discourages carrying out this type of practice since it only tries to satisfy an alleged right to be a father or mother, a right that has no legal consistency, since for this purpose other rights of perversion are perverted. The subjects involved and, especially, the dignity of both the pregnant mother and the child resulting from the process is passed over.[ES] La maternidad subrogada es una cuestión que ha aparecido en los últimos tiempos, cada vez con más incidencia, en la actualidad. Los poderes económicos, políticos y los medios de comunicación han acercado a la ciudadanía un concepto, estrictamente técnico, con el fin de familiarizar esta técnica. Esta estrategia se ha amparado en la natural tendencia a considerar que cualquier avance tecnológico es bueno de por sí, de manera que no se han revisado y puesto al alcance de los ciudadanos, de forma razonable, ninguna de las cuestiones que deben de tratarse con esta técnica. Así, cabe hacer un estudio de la normativa y jurisprudencia de los supuestos que han ido produciéndose y considerar la realidad que implica esta formulación no solo para los demandantes de esta forma de reproducción, sino también desde el prisma de la mujer que va a gestar el niño, así como de la posición en la que quedará el niño tras este proceso. La dignidad tanto de la madre biológica como la del niño desaconsejan llevar a cabo este tipo de prácticas ya que únicamente trata de satisfacerse un supuesto derecho a ser padre o madre, derecho que no tiene consistencia jurídica, ya que para ello se pervierten otros derechos de los sujetos implicados y, especialmente, se pasa por encima de la dignidad tanto de la madre gestante como del niño que resulta del proceso.Castellanos Claramunt, J. (2019). Análisis de la maternidad subrogada como nueva tecnología en el ámbito biomédico y jurídico-filosófico: avance técnico, retroceso humano. Revista sobre la infancia y la adolescencia. (17):62-80. https://doi.org/10.4995/reinad.2019.11933SWORD62801

    Música simfònica i òpera a Vilafranca. Segle XVIII

    Get PDF
    En aquest article tractem la música des de diferents àmbits. Tot i mostrar la riquesa de la música simfònica i operística que es va produir i que s'interpretà al Penedès (i, per extensió, a Catalunya), també copsem la presència de la música en altres àmbits de la vida. Aquest fet permet un acostament singular al segle xviii i, més concretament, a la cultura musical d'aquest moment. I suposa revaluar la música en la Catalunya del segle xviii .In this paper we deal with music from different fields. Apart from evidencing the wealth of symphonic and operatic music that was produced and interpreted in El Penedès region and in Catalonia at large, it also highlights the presence of music in other aspects of life. This allows a singular approach to the 18th century and, more precisely, to the musical culture of that time, as well as a reassessment of the music and the musicians of 18th-century Catalonia and their position in the European context

    Modificazioni germinali del patrimonio genetico e biodiritto. I paradossi della de-differenziazione tra bioetica e biodiritto

    Get PDF
    Il presente lavoro, incominciato nel novembre del 2017, è partito con l'ambizione di ricostruire la risposta che il sistema giuridico fornisce innanzi alle nuove tecniche di ingegneria genetica che, a fronte della loro applicabilità sugli esseri umani, hanno prodotto, negli ultimi anni, il sorgere di nuovi stakeholders e, ancor prima, di nuovi interessi meritevoli di tutela. Se fino a qualche anno fa pareva impensabile modificare il genoma umano e, men che meno, farlo in maniera precisa, efficiente ed economica, oggi grazie al sistema di modificazione genetica CRISPR/Cas9 è possibile, intervenendo sulla linea germinale degli embrioni umani, prevenire la contrazione di odiose malattie genetiche e, addirittura, a medio termine sradicarle dalla nostra società. Le enormi potenzialità terapeutiche di questa tecnica hanno addirittura attirato l’attenzione dell’Accademia Reale Svedese delle Scienze che, proprio mentre si stanno scrivendo queste righe, ha attribuito alle sue inventrici, Jennifer Doudna ed Emmanuelle Charpentier, il Premio Nobel per la Chimica 2020, definendo CRISPR/Cas9 come “un rivoluzionario metodo di editing genetico che contribuisce allo sviluppo di nuove terapie contro il cancro e può realizzare il sogno di curare malattie ereditarie” (The Royal Swedish Academy of Sciences 2020a). Al fianco di queste prospettive, che dal 2017 ad oggi si sono fatte sempre più evidenti, si annidano però rischi e pericoli derivanti dall’uso delle tecniche d’ingegneria genetica che il diritto deve tenere in adeguata considerazione al momento della loro regolamentazione. Nei primi mesi di lavoro, dedicati proprio alla ricostruzione delle fonti giuridiche applicabili, ci ha subito colpito che nonostante le tecniche in parola costituiscano, ancora oggi, un’assoluta novità in continuo cambiamento, le norme giuridiche, sia sovranazionali che nazionali, siano relativamente risalenti nel tempo: la legge 40 che, in Italia, si propone di regolare la procreazione medicalmente assistita e alla lett. b) del co. 3 del suo art. 13 si occupa delle manipolazioni genetiche è del 2004, mentre la norma più rilevante sul punto a livello internazionale, l’art. 13 della Convenzione di Oviedo, è addirittura datata aprile 1997. Insomma, in questo campo il diritto anziché presentarsi in fisiologico ritardo, ha enucleato delle regolamentazioni in sospetto anticipo. Questa constatazione, combinata con gli esiti della ricostruzione del dibattito dottrinale, dove anche autorevolissimi autori combinano continuamente argomentazioni etiche ed argomentazioni giuridiche, spesso senza neppure differenziarle, ci ha condotto ad appurare come prima di affrontare il tema della regolamentazione specifica del genome editing fosse necessario riflettere su come il diritto s’interfacci innanzi al bios come oggetto normativo e, soprattutto, in quale relazione si ponga con la bioetica nell’espletare siffatta funzione. Pertanto, abbiamo deciso di dedicare la Parte Prima dell’opera proprio ad un’indagine sulla relazione tra la bioetica ed il biodiritto, che costituiscono la proiezione applicativa di etica e diritto al bios, finalizzata a dotare di un adeguato fondamento epistemologico l’intuizione della deriva di de-differenziazione tra essi. Per raggiungere tale obiettivo abbiamo ritenuto necessario partire, nel Capitolo I, da una breve genealogia della bioetica in cui ci siamo interrogati sulla nascita di questa disciplina e sulle sue successive svolte metodologiche. Il Capitolo II, invece, è stato dedicato alle origini di quello specifico ambito della comunicazione giuridica, comunemente identificato ormai come biodiritto, mettendo in evidenza i contributi interni che la scienza giuridica ha fornito per lo sviluppo dello stesso e riflettendo, in particolare, sul ruolo che ha giocato in tal senso l’istituzione giuridica dei diritti umani. Al contrario, il Capitolo III parte dai contributi esterni alla nascita del biodiritto e specificatamente quelli forniti dalla bioetica per proseguire, poi, con una riflessione sul rapporto tra questi. Mediante una ricostruzione delle posizioni dominanti in dottrina e soprattutto attraverso uno sguardo fisso alla prassi, si è posto in evidenza come, ad oggi, via sia un problema di de-differenziazione tra bioetica e biodiritto che ha portato quest’ultimo a trasformarsi in una scienza ancillare alla prima al punto da essere definito come “diritto della bioetica”. Lungi dal fermarci su posizioni unicamente critiche, abbiamo dotato l’ultima parte del Capitolo di una pars construens in cui abbiamo evidenziato i vantaggi di una relazione funzionalmente differenziata tra bioetica e biodiritto, senza però trascurare anche i problemi ad essa sottesi. Con il chiaro intento di testare i nostri approdi teorici nell’esperienza empirica e, allo stesso tempo, per assolvere all’intento originario della nostra opera, abbiamo deciso di dedicare la Parte II interamente alle implicazioni etiche, sociologiche e giuridiche derivanti dalle tecniche di manipolazione genetica germinale. Per farlo si è reso necessario, anzi tutto, dedicare il Capitolo IV a comprendere, tecnicamente, cosa sia una modificazione genetica germinale e quali siano le posizioni rinvenibili all’interno della comunità scientifica. Il Capitolo V, invece, è stato dedicato ad affrontare i problemi, i rischi, le promesse e le speranze che si annidano intorno alla nostra tecnica: dal timore per una deriva eugenetica alla compatibilità delle modificazioni con l’autocomprensione e la dignità del genere umano, passando per le preoccupazioni delle comunità delle persone diversamente abili e dei genitori, che rischiano di restare schiacciati dalle pressioni sociali, giungendo a prendere in seria considerazione però anche le possibilità di sradicare odiose malattie genetiche una volta per tutte, liberando l’umanità di alcune atroci sofferenze. Con un quadro chiaro dei diversi valori che mette in gioco ed in potenziale conflitto tra loro la tecnica germinale, abbiamo finalmente affrontato il problema della regolamentazione delle nostre tecniche. Abbiamo cercato di farlo non con l’animo di produrre una mera attività compilativa sulle regolamentazioni esistenti e neanche con il solo intento di mostrare lacune e paradossi che in esse si annidano, ma con la finalità più ambiziosa di verificare se le nostre conclusioni teoriche della Parte Prima fossero fondate: se effettivamente il diritto si propone come un mero trasformatore permanente di principi bioetici in precetti coercitivi e se l’approccio regolativo vigente sia adeguato per cogliere i benefici che una tecnica premiata con il Nobel per la Chimica può dare alla società, senza rinunciare a tutelare i diritti fondamentali delle persone

    Atienza Macías, Elena y Rodríguez Ayuso, Juan Francisco (directores). Las respuestas del Derecho a las crisis de Salud Pública. Dykinson, Madrid, 2020.

    Get PDF
    Atienza Macías, Elena y Rodríguez Ayuso, Juan Francisco (directores). Las respuestas del Derecho a las crisis de Salud Pública. Dykinson, Madrid, 2020, 332 pp

    MODIFICAZIONI GERMINALI DEL PATRIMONIO GENETICO E BIODIRITTO. I paradossi della de-differenziazione tra bioetica e biodiritto

    Get PDF
    Il presente lavoro, incominciato nel novembre del 2017, è partito con l'ambizione di ricostruire la risposta che il sistema giuridico fornisce innanzi alle nuove tecniche di ingegneria genetica che, a fronte della loro applicabilità sugli esseri umani, hanno prodotto, negli ultimi anni, il sorgere di nuovi stakeholders e, ancor prima, di nuovi interessi meritevoli di tutela. Se fino a qualche anno fa pareva impensabile modificare il genoma umano e, men che meno, farlo in maniera precisa, efficiente ed economica, oggi grazie al sistema di modificazione genetica CRISPR/Cas9 è possibile, intervenendo sulla linea germinale degli embrioni umani, prevenire la contrazione di odiose malattie genetiche e, addirittura, a medio termine sradicarle dalla nostra società. Le enormi potenzialità terapeutiche di questa tecnica hanno addirittura attirato l’attenzione dell’Accademia Reale Svedese delle Scienze che, proprio mentre si stanno scrivendo queste righe, ha attribuito alle sue inventrici, Jennifer Doudna ed Emmanuelle Charpentier, il Premio Nobel per la Chimica 2020, definendo CRISPR/Cas9 come “un rivoluzionario metodo di editing genetico che contribuisce allo sviluppo di nuove terapie contro il cancro e può realizzare il sogno di curare malattie ereditarie” (The Royal Swedish Academy of Sciences 2020a). Al fianco di queste prospettive, che dal 2017 ad oggi si sono fatte sempre più evidenti, si annidano però rischi e pericoli derivanti dall’uso delle tecniche d’ingegneria genetica che il diritto deve tenere in adeguata considerazione al momento della loro regolamentazione. Nei primi mesi di lavoro, dedicati proprio alla ricostruzione delle fonti giuridiche applicabili, ci ha subito colpito che nonostante le tecniche in parola costituiscano, ancora oggi, un’assoluta novità in continuo cambiamento, le norme giuridiche, sia sovranazionali che nazionali, siano relativamente risalenti nel tempo: la legge 40 che, in Italia, si propone di regolare la procreazione medicalmente assistita e alla lett. b) del co. 3 del suo art. 13 si occupa delle manipolazioni genetiche è del 2004, mentre la norma più rilevante sul punto a livello internazionale, l’art. 13 della Convenzione di Oviedo, è addirittura datata aprile 1997. Insomma, in questo campo il diritto anziché presentarsi in fisiologico ritardo, ha enucleato delle regolamentazioni in sospetto anticipo. Questa constatazione, combinata con gli esiti della ricostruzione del dibattito dottrinale, dove anche autorevolissimi autori combinano continuamente argomentazioni etiche ed argomentazioni giuridiche, spesso senza neppure differenziarle, ci ha condotto ad appurare come prima di affrontare il tema della regolamentazione specifica del genome editing fosse necessario riflettere su come il diritto s’interfacci innanzi al bios come oggetto normativo e, soprattutto, in quale relazione si ponga con la bioetica nell’espletare siffatta funzione. Pertanto, abbiamo deciso di dedicare la Parte Prima dell’opera proprio ad un’indagine sulla relazione tra la bioetica ed il biodiritto, che costituiscono la proiezione applicativa di etica e diritto al bios, finalizzata a dotare di un adeguato fondamento epistemologico l’intuizione della deriva di de-differenziazione tra essi. Per raggiungere tale obiettivo abbiamo ritenuto necessario partire, nel Capitolo I, da una breve genealogia della bioetica in cui ci siamo interrogati sulla nascita di questa disciplina e sulle sue successive svolte metodologiche. Il Capitolo II, invece, è stato dedicato alle origini di quello specifico ambito della comunicazione giuridica, comunemente identificato ormai come biodiritto, mettendo in evidenza i contributi interni che la scienza giuridica ha fornito per lo sviluppo dello stesso e riflettendo, in particolare, sul ruolo che ha giocato in tal senso l’istituzione giuridica dei diritti umani. Al contrario, il Capitolo III parte dai contributi esterni alla nascita del biodiritto e specificatamente quelli forniti dalla bioetica per proseguire, poi, con una riflessione sul rapporto tra questi. Mediante una ricostruzione delle posizioni dominanti in dottrina e soprattutto attraverso uno sguardo fisso alla prassi, si è posto in evidenza come, ad oggi, via sia un problema di de-differenziazione tra bioetica e biodiritto che ha portato quest’ultimo a trasformarsi in una scienza ancillare alla prima al punto da essere definito come “diritto della bioetica”. Lungi dal fermarci su posizioni unicamente critiche, abbiamo dotato l’ultima parte del Capitolo di una pars construens in cui abbiamo evidenziato i vantaggi di una relazione funzionalmente differenziata tra bioetica e biodiritto, senza però trascurare anche i problemi ad essa sottesi. Con il chiaro intento di testare i nostri approdi teorici nell’esperienza empirica e, allo stesso tempo, per assolvere all’intento originario della nostra opera, abbiamo deciso di dedicare la Parte II interamente alle implicazioni etiche, sociologiche e giuridiche derivanti dalle tecniche di manipolazione genetica germinale. Per farlo si è reso necessario, anzi tutto, dedicare il Capitolo IV a comprendere, tecnicamente, cosa sia una modificazione genetica germinale e quali siano le posizioni rinvenibili all’interno della comunità scientifica. Il Capitolo V, invece, è stato dedicato ad affrontare i problemi, i rischi, le promesse e le speranze che si annidano intorno alla nostra tecnica: dal timore per una deriva eugenetica alla compatibilità delle modificazioni con l’autocomprensione e la dignità del genere umano, passando per le preoccupazioni delle comunità delle persone diversamente abili e dei genitori, che rischiano di restare schiacciati dalle pressioni sociali, giungendo a prendere in seria considerazione però anche le possibilità di sradicare odiose malattie genetiche una volta per tutte, liberando l’umanità di alcune atroci sofferenze. Con un quadro chiaro dei diversi valori che mette in gioco ed in potenziale conflitto tra loro la tecnica germinale, abbiamo finalmente affrontato il problema della regolamentazione delle nostre tecniche. Abbiamo cercato di farlo non con l’animo di produrre una mera attività compilativa sulle regolamentazioni esistenti e neanche con il solo intento di mostrare lacune e paradossi che in esse si annidano, ma con la finalità più ambiziosa di verificare se le nostre conclusioni teoriche della Parte Prima fossero fondate: se effettivamente il diritto si propone come un mero trasformatore permanente di principi bioetici in precetti coercitivi e se l’approccio regolativo vigente sia adeguato per cogliere i benefici che una tecnica premiata con il Nobel per la Chimica può dare alla società, senza rinunciare a tutelare i diritti fondamentali delle persone

    Il Gradus as Parnassum di Fedele Fenaroli

    Get PDF
    Illustrates the structure and goals of the treatise Regole e partimenti by Fedele Fenarol

    COVID y Pandemia Desinformativa, Memes en lengua española e inglesa, Fake news: Enunciatarios y Enunciadores en el proceso de vacunación 2021

    Get PDF
    Los niveles de desarrollo y subdesarrollo tanto económico como cultural hacia la prevención, autocuidado y vacunación Covid, se sugieren no sólo en los mass media, en las fake news rotadas en los mismos medios masivos de comunicación; sino que además han incursionado en un reciente texto mediático: EL MEME (Shifman, 2014; Hungtington, 2016) ¿Cuáles son los rasgos semióticos que caracterizan los contenidos de los memes publicados en twitter durante el proceso de vacunación Covid 2021, y que en lengua inglesa y española configuran niveles de verdad/mentira en diversos países del mundo?, es la pregunta de la investigación
    • …
    corecore