Location of Repository

Il “caso” Eternit: l’inadeguatezza del disastro innominato a reprimere i disastri ambientali. Nota a Cass., sez. I pen., 23 febbraio 2015, n. 7941

By Venturoli Marco

Abstract

La sentenza della Cassazione relativa alla vicenda Eternit costituisce una ulteriore dimostrazione dell’esistenza della fattispecie\ud giurisprudenziale di ‘‘disastro ambientale’’ quale species del disastro innominato. Tuttavia, la soluzione ‘‘legalitaria’’ elaborata\ud dalla Suprema Corte in ordine all’individuazione del momento consumativo del disastro innominato mette a nudo l’inattitudine\ud dell’art. 434 c.p. a contrastare i ‘‘disastri ambientali’’: la forma di manifestazione di questi ultimi infatti – ossia una pluralita` di\ud ‘‘micro-eventi’’ che vengono in essere anche a distanza di decenni dalla cessazione della condotta delittuosa – risulta difficilmente conciliabile con la natura istantanea del reato codicistico. Di conseguenza, i processi penali per disastri ambientali\ud ‘‘costruiti’’ sull’art. 434 c.p. sono ‘‘fisiologicamente’’ vocati alla prescrizione

Year: 2015
OAI identifier: oai:iris.unife.it:11392/2370234
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11392/23... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.