Skip to main content
Article thumbnail
Location of Repository

Tribunale di Milano, sez. IX, ord., 31 maggio 2016 - Convivenza di fatto - Dichiarazione giudiziale di paternità

By Pepe Alessandro

Abstract

La dichiarazione anagrafica di cui all’art. 4 e all’art. 13, comma 1, lett. b), d.p.r. 30 maggio 1989, n. 223, cui oggi fa riferimento anche l’art. 1, comma 37, l. 20 maggio 2016, n. 76, è strumento privilegiato di prova e non anche elemento costitutivo della convivenza di fatto. È ammissibile l’azione cautelare promossa dalla madre del nascituro, concepito fuori dal matrimonio, dopo la morte del padre, per accedere a materiale biologico del medesimo al fine di conservare elementi di prova da spendere nel futuro giudizio di paternità, ex art. 269 c.c., qualora in particolare (come nel caso di specie) il corpo del presunto padre non possa essere oggetto di esumazione, attesa l’intervenuta cremazione

Topics: Famiglia Convivenza di fatto Presupposti Dichiarazione anagrafica natura costitutiva Nascituro concepito fuori dal matrimonio Dichiarazione giudiziale di paternità e maternità Prove genetiche ematologiche Morte padre biologico cremazione Azione cautelare
Year: 2016
OAI identifier: oai:iris.unife.it:11392/2369130
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11392/23... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.