Location of Repository

L’importanza delle analisi xilologiche nel restauro dei legni: i reperti lignei del castrum altomedievale di Sant’Agata Bolognese

By MARCHESINI M., MARVELLI S. and MONACO R.

Abstract

Fin dall’antichità il legno veniva utilizzato dall’uomo per la sua ampia reperibilità e facilità di lavorazione. I materiali lignei si conservano principalmente in depositi archeologici sommersi dalla falda, sul fondo di laghi o in ambienti artificiali (pozzi, buche, fossati, canali, ecc.), o in mare dove la presenza costante dell’acqua ha creato condizioni di anaerobiosi favorevoli alla conservazione del legno. I reperti rinvenuti in ambiente umido presentano le componenti dello xilema (cellulosa, lignina) più o meno degradate, perciò il legno, privo di resistenza meccanica, se viene lasciato seccare all’aria diventa un ammasso compatto e deformato. Si rende perciò indispensabile effettuare interventi conservativi per evitare la disintegrazione e la perdita dei reperti lignei

Topics: analisi xilologiche, castrum, Alto Medioevo, Sant'Agata Bolognese (Bologna)
Publisher: Gruppo di lavoro per la Paleobotanica e la Palinologia della Società Botanica Italiana
Year: 2003
OAI identifier: oai:iris.unife.it:11392/1738169
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11392/17... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.