Skip to main content
Article thumbnail
Location of Repository

Femminismi nell'Islam

By Orsetta Giolo, Nicola Fiorita and Renata Pepicelli

Abstract

Si può essere musulmane e femministe allo stesso tempo? Secondo un numero crescente di donne musulmane la risposta è sicuramente si. All'alba del XXI secolo sono infatti sempre di più coloro che dall'Iran al Marocco, dagli Stati Uniti all'Indonesia, sono convinte che il Corano sancisca inequivocabilmente l'uguaglianza tra i generi. Dal loro punto di vista l'attuale condizione di subordinazione in cui molte musulmane sono costrette a vivere è il frutto di interpretazioni misogine che tradiscono il vero messaggio di giustizia dell'Islam. Rileggendo in gruppo o individualmente i testi sacri dell'Islam da una prospettiva femminile, enfatizzano gli elementi di uguaglianza e additano come interpretazioni erronee e patriarcali quelle letture che considerano gli uomini superiori alle donne. A queste rivendicazioni di genere da una prospettiva religiosa è stato dato il nome di "femminismo islamico", sebbene non tutte le interessate si ritrovino rappresentate da una tale terminologia. Di questo movimento si incomincia ormai a discutere anche in Italia, e le posizioni sono le più varie: da chi lo saluta con entusiasmo come espressione di una forma più "autoctona" di femminismo per le musulmane e chi lo considera una pericolosa deriva che può, senza volerlo, sostenere posizioni retrograde e integraliste

Topics: femminismo islamico, mondo arabo, diritti, religione, islam politico
Year: 2011
OAI identifier: oai:iris.unife.it:11392/1737739
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11392/17... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.