Location of Repository

Oggetti d'uso quotidiano in materia dura animale provenienti dal sito di Chiunsano, Ficarolo-Gaiba, Rovigo (I-VI sec. d.C.)

By Ravani A. and Thun Hohenstein U.

Abstract

Gli scavi condotti dal 1990 al 2000 dall’équipe del Prof. Herman Busing dell’Università di Bochum (Germania)\ud nel sito archeologico di Chiunsano (Ficarolo - Gaiba), che si trova nella zona del Polesine di Rovigo in prossimità\ud del corso del Po, hanno portato alla luce una villa romana confermando l’ipotesi di una continuità\ud insediativa del sito dal I al VI sec. d.C. Lo scavo ha inoltre messo in rilievo l’importanza strategica della\ud zona, attraversata da quella che in epoca romana fu la principale arteria dei traffici commerciali. Lo studio\ud archeozoologico ha evidenziato una predominanza di animali domestici rispetto a quelli selvatici: i bovini\ud ed i suini nel complesso costituiscono più del 50% del totale dei resti. Tra il materiale osteologico analizzato\ud si sono riconosciute tracce di origine antropica (tagli longitudinali, trasversali, fendenti, tracce di utilizzo di\ud una sega) su ossa lunghe, palchi di cervo e cavicchie ossee di corna di bovino, lavorati per ottenere diverse\ud tipologie di oggetti d’uso quotidiano. Inoltre l’analisi dei manufatti in materia dura animale evidenzia come,\ud ancora in epoca romana, venisse praticata la lavorazione dell’osso per la fabbricazione di varie tipologie di\ud utensili e con quale cura fosse scolpito l’elemento decorativo.\ud \ud The excavations, carried out from 1990 to 2000 by the team of Prof. Herman Busing of Bochum University (Germany) in\ud the archaeological site of Chiunsano (Ficarolo - Gaiba) located in the Polesine area near Rovigo in proximity of the Po river,\ud unearthed a Roman Villa confirming the hypothesis of a continuous occupation of the Villa Rustica from the 1st to the 6th\ud century A.D. These researches revealed the strategic importance of that area, crossed by one of the main commercial routes\ud during the Roman period. The archaeozoological study, carried out on the faunal assemblage, has underlined a predominance\ud of domestic animals over the wild taxa: cattle and pig represent more than 50% of the total number of remains. Among\ud the osteological material analyzed, evident anthropic traces (longitudinal and transversal cuts, hack marks, saw marks) were\ud recognized on long bones, deer antlers and bovine horns, that had been worked to obtain different artefact typologies

Topics: Archeozoologia, Tracce antropiche, Oggetti in materia dura animale
Publisher: Edizioni Osiride
Year: 2010
OAI identifier: oai:iris.unife.it:11392/1394677
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11392/13... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.