Skip to main content
Article thumbnail
Location of Repository

Il disconoscimento del prezzo pagato per acquistare l'azienda e il paradosso dell'elusione senza "aggiramento"

By Dario Stevanato

Abstract

La Suprema Corte conferma i perduranti equivoci sull’elusione fiscale e l’abuso del di- ritto, che vengono confusi con il raggiungi- mento di una posizione di vantaggio fiscale in presenza di possibili schemi alternativi per perseguire l’obiettivo economico. Stavolta il contribuente ha ottenuto un nuovo giudizio di merito, peraltro denso di insidie, ma la causa - che nemmeno avrebbe dovuto nascere - do- veva concludersi con la constatazione dell’in- sussistenza di un qualsivoglia aggiramento, e con la condanna dell’Amministrazione finan- ziaria per temerarietà della lite. Il riconosci- mento fiscale del prezzo pagato per l’acquisto di azienda dipende infatti dal realizzo di com- ponenti positivi di reddito in capo al cedente, ed è equivalente al riconoscimento del disa- vanzo a fronte del pagamento di imposte da parte del cedente la partecipazione o al suo assoggettamento ad imposizione sostitutiva

Topics: azienda, acquisizione, elusione tributaria
Year: 2015
OAI identifier: oai:arts.units.it:11368/2872972
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11368/28... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.