Article thumbnail

Scienziati nucleari per la pace. Gli studi sulla proliferazione e sul nucleare

By Giovanni Salio and Massimo Zucchetti

Abstract

L'ideologia della neutralità della scienza, con l'esplicito rifiuto da parte degli scienziati di considerarsi corresponsabili dell'uso dei risultati delle proprie azioni, ha mostrato in modo clamoroso la sua terribile disumanità e inadeguatezza. Gli scienziati, dunque, devono farsi carico di una precisa responsabilità etica circa l’uso delle proprie scoperte. Alcuni scienziati hanno sperimentato la caduta del concetto utopico di “Scienza neutrale” con drammatica evidenza. La storia dell’energia nucleare, e lo storico collegamento con il militare, ci serve per capire meglio l’evoluzione di questa fonte energetica, ed è utile per capirne da lontano le difficoltà e contraddizioni. Il nucleare non è la risposta, quindi. Ma qual è la risposta? Forse, la risposta è ridurre la spesa militare, non soltanto nei paesi con nucleare militare – ovviamente - per aumentare la sicurezza e vivere più felici: queste, sono le “alternative al nucleare” in senso più ampio

Topics: Energia nucleare, nucleare militare, proliferazione, studi per la pace
Publisher: Agorà & Co.
Year: 2017
OAI identifier: oai:iris.polito.it:11583/2701227
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11583/27... (external link)
  • https://www.researchgate.net/p... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.