Article thumbnail

Simboli e pratiche religiose nell'Italia "multiculturale". Quale riconoscimento per i migranti?

By A. DE OTO

Abstract

Il volume raccoglie gli atti del convegno di Trieste organizzato dall'ASGI (Associazione studi giuridici sull'Immigrazione) e cerca di rispondere alle molte domande che emergono dalla trasformazione della societ\ue0 italiana in senso multiculturale e multireligioso. Pi\uf9 precisamente attraverso l'analisi giuridica di una serie di problematiche attualissime si \ue8 tentato di disegnare il modello di societ\ue0 e di relazione tra cittadini e migranti che stiamo attualmente costruendo in Italia. La partita si gioca anche sul fronte statuale. Infatti l'attenzione che in futuro lo Stato dovr\ue0 porre al rapporto persona-identit\ue0 in senso pluralista e laico, determiner\ue0 un incontro con l'elemento religioso non tradizionale sul territorio (vedi Islam) sempre pi\uf9 stringente. Se vi sar\ue0 un approccio corretto ed equanime alle problematiche sul piatto, in una logica di riconoscimento e non di conflitto, da parte dei diversi gangli dello Stato, allora la speranza di una pacifica convivenza sociale (se non figlia dell'integrazione ma almeno dell'interazione) potr\ue0 dirsi maggiormente possibile

Topics: MIGRANTI, SIMBOLI RELIGIOSI, PRATICHE DI CULTO, ENTI LOCALI, DISCRIMINAZIONE PER MOTIVI RELIGIOSI
Publisher: place:ROMA
Year: 2010
OAI identifier: oai:cris.unibo.it:11585/86531
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11585/86... (external link)

  • To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.

    Suggested articles