Article thumbnail

Sostenibilità di processi di smaltimento di materiali contenenti ritardanti di fiamma bromurati

By V. Cozzani

Abstract

Unit\ue0 Operativa di Bologna: 1. Obiettivi Gli obiettivi dell'attivit\ue0 proposta si possono articolare come segue: 1. Caratterizzazione ed analisi dei prodotti formati nella degradazione di materiali contenenti antifiamma bromurati 2. Sviluppo di metodi integrati per l\u2019analisi di sostenibilit\ue0 di processo 2. Descrizione delle attivit\ue0 di ricerca Attivit\ue0 1 Caratterizzazione ed analisi dei prodotti formati nella degradazione di materiali contenenti antifiamma bromurati L\u2019Unit\ue0 Operativa (UO) effettuer\ue0 la caratterizzazione dei prodotti solidi e liquidi formati nel reattore a letto fisso utilizzato dall\u2019UO di Genova durante le prove di pirolisi e pirolisi ossidativa di materiali contenenti antifiamma bromurati. Le frazioni liquide verranno caratterizzate sia mediante tecniche gas-cromatografiche accoppiate a spettrometria di massa (GC/MS) che mediante prove di cromatografia liquida ad alta pressione (HPLC). L\u2019utilizzo di tecniche GC e HPLC verr\ue0 inoltre finalizzato alla determinazione quantitativa dei principali composti formati nella pirolisi. Verr\ue0 inoltre studiata la possibilit\ue0 di applicare specifici metodi di arricchimento per la determinazione di composti di particolare pericolosit\ue0 ambientale, quali composti aromatici mono e policiclici contenenti bromo. La determinazione di polibromodiossine e polibromofurani eventualmente presenti nei campioni verr\ue0 inoltre affrontata con tecniche convenzionali, attraverso la collaborazione con laboratori specializzati. I campioni solidi verranno analizzati per determinare la frazione di carbonio fisso. Nei casi di interesse, verr\ue0 inoltre determinata la quantit\ue0 e composizione dei metalli presenti attraverso tecniche analitiche convenzionali. Le analisi verranno ripetute per campioni ottenuti utilizzando diverse temperature e tempi di permanenza. Le informazioni ottenute, integrate con quelle elaborate direttamente dall\u2019UO di Genova e relative alla composizione dei composti gassosi formati, verranno utilizzate per ottenere dati sperimentali sulle rese nei principali composti in funzione delle condizioni operative. Il confronto dei risultati ottenuti con quelli relativi a materiali analoghi non bromurati permetter\ue0 una prima analisi dei meccanismi chimici elementari alla base dei processi di degradazione, nonch\ue9 un\u2019analisi approfondita del processo di degradazione al variare dei principali parametri operativi. L\u2019UO provveder\ue0 inoltre, in base ai dati sperimentali, ad ottenere modelli cinetici apparenti per il processo di formazione dei principali prodotti di decomposizione nelle condizioni utilizzate per le prove sperimentali. L'attivit\ue0 verr\ue0 integrata con quella svolta dall'UO di Pisa, finalizzata ad ottenere modelli cinetici semplificati per la velocit\ue0 di degradazione. I dati ottenuti saranno utilizzati in primo luogo per un confronto con quelli prodotti in altre apparecchiature utilizzate nell\u2019ambito del programma di ricerca, in modo da riorientare il lavoro e da evidenziare analogie e differenze legate alle condizioni operative. I dati verranno inoltre resi disponibili per la validazione dei modelli cinetici dettagliati sviluppati nell\u2019ambito del programma nazionale di ricerca. Attivit\ue0 2 Sviluppo di metodi integrati per l\u2019analisi di sostenibilit\ue0 di processo Il punto di partenza dell\u2019attivit\ue0 sar\ue0 una rassegna dei metodi proposti per il monitoraggio e la valutazione della sostenibilit\ue0 di processo. Per i diversi metodi disponibili verranno esaminati i fattori rilevanti dal punto di vista dell\u2019applicazione alla valutazione di sostenibilit\ue0 di tecnologie di smaltimento. Sar\ue0 esaminato l\u2019effettivo grado di dettaglio con cui \ue8 possibile tener conto del rischio ambientale e per la salute derivante dall\u2019attivit\ue0. Verr\ue0 inoltre approfondito il problema del \u201crisk shift\u201d, che \ue8 segnalato in letteratura come un\u2019importante limitazione nell\u2019applicazione dei metodi. In particolare, verr\ue0 presa in esame la possibilit\ue0 che nelle valutazioni il rischio ambientale venga tra..

Year: 2004
OAI identifier: oai:cris.unibo.it:11585/31366
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11585/31... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.