Article thumbnail

La costituzionalizzazione dei principi del giusto processo nel dibattito parlamentare

By Francesca Zannotti

Abstract

Il contributo analizza il processo decisionale in Parlamento dell’introduzione dei principi del giusto processo nella Costituzione italiana ad opera della Legge Costituzionale n. 2 del 1999. Dopo aver ricostruito le ragioni che hanno indotto il Parlamento a modificare la Costituzione per introdurre nuove garanzie processuali e aver condotto un’analisi, anche in prospettiva comparata, sulla nozione di giusto processo e sulla sua applicazione, lo scritto si incentra sull’analisi del dibattito parlamentare ricostruendo le posizioni dei singoli partiti all’interno della maggioranza e dell’opposizione. Dall’analisi emerge che la legge è frutto di un compromesso parlamentare bipartisan che limita la portata della riforma introdotta anche in relazione a quanto previsto dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. La riforma costituzionale ha quindi introdotto solo garanzie processuali anziché ulteriori diritti inalienabili del cittadino, anche a causa della struttura dei nostri processi e delle modalità di accesso alla Corte Costituzionale. Il contributo si conclude con una riflessione sugli strumenti necessari affinché queste garanzie si trasformino in diritti sostanziali

Topics: GIUSTO PROCESSO, ORDINAMENTO GIUDIZIARIO, RIFORMA COSTITUZIONALE
Publisher: CEDAM
Year: 2006
OAI identifier: oai:cris.unibo.it:11585/29939
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • http://hdl.handle.net/11585/29... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.