Article thumbnail

Introduzione alla riqualificazione energetica ed ambientale degli edifici storici: il caso "Roma"

By Flavio Rosa and Mariagrazia Tiberi

Abstract

Per edificio storico, in questo scritto, si intende un manufatto edilizio che non rientra, in quanto non direttamente compreso e codificato, nelle categorie di tutela e valorizzazione previste dal Codice dei beni culturali e del paesaggio (Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42). La storicità dell’edificio è definita in funzione dello specifico periodo storico italiano cosiddetto postunitario (1871-1942). La forma urbana, i tipi edilizi, le tecniche costruttive e le tecnologie dei materiali utilizzate non rientrano in una categoria di particolare interesse e pregio tali da garantirne la tutela come previsto dal codice dei beni culturali. Se si analizza il caso della città di Roma a partire dal 1871 al 1942, la nuova capitale dello stato italiano, in tale periodo, è stata interessata da una crescita urbana e demografica molto intensa che ha conferito alla città eterna nuovo volto oltre alla sua nuova identità politica. In tale periodo Roma si è dotata di quattro piani regolatori (PRG): nel 1873 con il piano Viviani, nel 1883 sempre a cura dell’ing. Viviani, nel 1909 il piano Sanjust e nel 1931 di Giovannoni, Piacentini e Munoz

Topics: Riqualificazione energetica, Certificazione energetica, Edifici storici, Recupero, Rigenerazione urbana
Year: 2013
DOI identifier: 10.5281/zenodo.997965
OAI identifier: oai:zenodo.org:997966
Provided by: ZENODO
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • https://zenodo.org/record/9979... (external link)

  • To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.

    Suggested articles