Skip to main content
Article thumbnail
Location of Repository

In cerca del significato: la parola scritta nell'epoca di Google

By Anita Paz

Abstract

L'articolo intende essere una breve elaborazione teorica delle idee avanzate da Boris Groys in Google: Parole al di là della Grammatica da un punto di vista LIS. Attraverso l’uso di strumenti critici come la teoria del database di Manovich e le riflessioni di Wittgenstein sul concetto di "significato" e "contesto", l'autore delinea una doppia caratteristica di parzialità della ricerca condotta da Google in termini di qualità (l’algoritmo di Google è parziale verso i risultati definiti di interesse dell’utente) e in termini di quantità (l’interfaccia di Google permetterà all’utente solo l'accesso parziale ai risultati della ricerca). L'autore rilegge quindi la definizione data da Groys su Google, capovolgendo il concetto di decostruzione secondo Derrida (fondato sul principio una semantica illimitata), con una nuova idea di decostruzione basata sull’impossibilità di scoprire l’integrale significato della parola

Topics: Deconstruction, Google, Groys, Boris, Manovich, Lee, Semantics, Search engines, Wittgenstein, Ludwig, Bibliography. Library science. Information resources, Z
Publisher: University of Florence
Year: 2013
DOI identifier: 10.4403/jlis.it-8798
OAI identifier: oai:doaj.org/article:2ad4eaf622e1480b99df7b8b69edc33c
Journal:
Download PDF:
Sorry, we are unable to provide the full text but you may find it at the following location(s):
  • https://doaj.org/toc/2038-1026 (external link)
  • https://doaj.org/toc/2038-5366 (external link)
  • https://www.jlis.it/article/vi... (external link)
  • https://doaj.org/article/2ad4e... (external link)
  • Suggested articles


    To submit an update or takedown request for this paper, please submit an Update/Correction/Removal Request.